1° Congresso nazionale de Il Popolo della Famiglia

06/06/2020 - Pdf
IncrFont Stampa Facebook Twitter

AAA cerchiamo braccia e cuore, astenersi perditempo!

Carissimo/a, cerchiamo collaborazioni in tutta Italia per fondare nuovi circoli del Popolo della Famiglia. Il Popolo della Famiglia è un soggetto politico aconfessionale e valoriale, di ispirazione cristiana aperto a tutti quelli che condividono il suo programma in difesa dei valori “non negoziabili”: il diritto alla vita; il diritto dei figli ad avere un padre e una madre; la dignità della persona, del lavoro e la sussidiarietà. Se condividi i nostri ideali e se vuoi aiutarci a difenderli, ti invitiamo a contattarci tramite questa pagina. Grazie.


Comunicazione importante per tutti i dirigenti, tesserati e simpatizzanti del Popolo della Famiglia

Vi comunico che Il 12 e 13 settembre, presso l'hotel Antonella sito in via pontina km 28 (Pomezia) si svolgerà il così atteso 1° Congresso Nazionale del Popolo della Famiglia .

Si apre Sabato alle ore 14.00 con l’accoglienza, la registrazione e la verifica del Tesseramento. A seguire alle ore 16.30 prima sessione dei lavori.

È prevista una pensione completa (cena sabato, si dorme, colazione e si termina con il pranzo di domenica).

Al fine di organizzare tutto al meglio vi prego di diffondere questo messaggio a tutti, di fare al più presto il bonifico e/o versamento come da indicazioni e di registrarvi al seguente link: https://forms.gle/u3Jzm82k5ACJZPBv7

 Vi ringrazio calorosamente e confido nella vostra collaborazione.

Il coordinatore nazionale PDF Nicola Di Matteo

Tra un mese esatto si terrà il primo congresso nazionale del Popolo della Famiglia. Possono partecipare tutti gli iscritti al PdF che eleggeranno i nuovi vertici e determineranno la linea politica per il quadriennio 2020-2024. Il bilancio dei primi quattro anni di vita del PdF è chiaro: abbiamo affermato il nostro diritto a esistere nel panorama politico italiano. Dal nulla, senza alcun sostegno esterno, solo con la forza della militanza abbiamo costruito una casa e proposto temi che sono stati oggetto di confronto nazionale tra le forze politiche, basti pensare tra tutte all’idea di reddito di maternità e alle battaglie per il diritto alla vita del nascituro come dell’addolorato. Ora rivolgiamo lo sguardo ai penultimi lasciati indietro nell’Italia post Covid e proponiamo l’investimento sulla famiglia e sulla vita come unica soluzione possibile. Partecipa al congresso, iscriviti qui al PdF www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Mario Adinolfi

Si terrà a Pomezia in data 12-13 settembre 2020 il primo congresso nazionale del Popolo della Famiglia. Finalità del congresso è il rinnovo delle cariche nazionali di rappresentanza politica del movimento, collegato alla definizione della linea politica del movimento per il quadriennio 2020-24.

Possono partecipare con diritto di voto e di parola al congresso nazionale tutti coloro che si troveranno in regola con l’iscrizione al Popolo della Famiglia e dunque in possesso della tessera 2020. Chi l’avesse pagata e non ancora ricevuta potrà ritirarla in sede congressuale mentre un banchetto di tesseramento resterà aperto per tutta la durata del congresso. Possono candidarsi alla presidenza nazionale tutti gli iscritti in regola con il tesseramento alla data del 12 settembre 2020, termine ultimo per il deposito della mozione politico- programmatica collegata alla candidatura alla presidenza nazionale. Ogni candidato alla presidenza nazionale insieme alla mozione politica programmatica presenterà anche la squadra con cui intende applicarla sul territorio. Alla mozione sarà dunque collegato il nominativo di un vicepresidente (con funzioni di coordinatore nazionale), di un segretario nazionale e di sei dirigenti nazionali che formeranno l’esecutivo di fiducia del presidente qualora eletto.

I nove nominativi devono essere espressione di iscritti di almeno cinque regioni differenti per garantire il carattere nazionale della candidatura alla presidenza. Ogni mozione dovrà associare inoltre due nominativi di iscritti per ogni regione (per almeno dieci regioni) che saranno i referenti regionali che applicheranno la linea politica contenuta nella mozione qualora dovesse risultare vincente.

Uno dei due lavorerà più a stretto contatto con Roma riportando le esigenze territoriali all’interno della squadra della dirigenza nazionale, l’altro si occuperà in prevalenza del radicamento e dell’organizzazione territoriale regionale. Il congresso potrà discutere anche mozioni tematiche sottoscritte da almeno trenta iscritti provenienti da almeno tre regioni, non confliggenti con le questioni politico-programmatiche che sono oggetto del confronto congressuale tra le mozioni di chi si candida ai ruoli apicali di rappresentanza del movimento.

Le votazioni sulle mozioni e la conseguente proclamazione degli eletti si terranno nella mattinata di domenica 28. Il voto avverrà a scrutinio segreto e sarà proclamata eletta alle cariche di rappresentanza politica del movimento la squadra della mozione che riceverà il maggior numero di voti. Presiede le procedure congressuali, l’assemblea del 12-13 settembre e il seggio di domenica 13 settembre il coordinatore nazionale uscente Nicola Di Matteo, a cui è assegnato anche il compito di dirimere eventuali controversie con decisione che sarà inappellabile. Le mozioni congressuali e i nominativi dei candidati ad esse collegati saranno pubblicati sul quotidiano La Croce entro e non oltre l’edizione di martedì 8 settembre 2020. L’atto della pubblicazione dei nominativi, se non contestato dagli interessati con comunicazione scritta a lacrocequotidiano@gmail.com entro il 7 settembre, certifica l’accettazione della candidatura da parte degli stessi.