Aborto: Mario Adinolfi , 'Feto sepolto con nome madre è come messaggio' perchè lo hai fatto?

01/10/2020 - AdnKronos
IncrFont Stampa Facebook Twitter

AAA cerchiamo braccia e cuore, astenersi perditempo!

Carissimo/a, cerchiamo collaborazioni in tutta Italia per fondare nuovi circoli del Popolo della Famiglia. Il Popolo della Famiglia è un soggetto politico aconfessionale e valoriale, di ispirazione cristiana aperto a tutti quelli che condividono il suo programma in difesa dei valori “non negoziabili”: il diritto alla vita; il diritto dei figli ad avere un padre e una madre; la dignità della persona, del lavoro e la sussidiarietà. Se condividi i nostri ideali e se vuoi aiutarci a difenderli, ti invitiamo a contattarci tramite questa pagina. Grazie.

L'aborto è uno scandalo del Cristianesimo, più grave della violazione della privacy «Roma, 1 ott. - (Adnkronos)» Capisco la sgradevolezza del nome sulla croce senza il consenso, ma non riesco a giustificare chi ha abortito. È come un messaggio profetico. Penso all'immagine forte del bambino ucciso che dice alla madre: 'Perché lo hai fatto?'. L'aborto è lo scandalo del Cristianesimo «. È il commento all'Adnkronos di Mario Adinolfi, il presidente del Popolo della Famiglia, sulla vicenda dei feti sepolti al cimitero Flaminio di Roma dove sono presenti centinaia di croci bianche sopra piccole sepolture e le generalità delle donne che hanno interrotto la gravidanza. »Vedo uno squilibrio tra l'aborto e la violazione della privacy, il primo è più grave della seconda. Il peso è differente - spiega Adinolfi - Penso che la vicenda, a maggior ragione in questo caso, riflettere chi ha abortito. Si tratta di una scelta sbagliata e ci si poteva pensare prima. Non viene eliminato qualcosa che non esiste. Il bambino ha il diritto di vivere e non è una cosa, ma una persona.