L'omelia delle polemiche, Adinolfi si scaglia contro il rettore dell'Università di Macerata: Non ci insegni come vivere la nostra fede

07/11/2020 - Mario Adinolfi
IncrFont Stampa Facebook Twitter

AAA cerchiamo braccia e cuore, astenersi perditempo!

Carissimo/a, cerchiamo collaborazioni in tutta Italia per fondare nuovi circoli del Popolo della Famiglia. Il Popolo della Famiglia è un soggetto politico aconfessionale e valoriale, di ispirazione cristiana aperto a tutti quelli che condividono il suo programma in difesa dei valori “non negoziabili”: il diritto alla vita; il diritto dei figli ad avere un padre e una madre; la dignità della persona, del lavoro e la sussidiarietà. Se condividi i nostri ideali e se vuoi aiutarci a difenderli, ti invitiamo a contattarci tramite questa pagina. Grazie.

Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia, interviene nella querelle che sta opponendo in questi giorni il rettore dell’Università di Macerata Francesco Adornato alla professoressa Clara Ferranti.

Il rettore è stato chiamato in causa da alcuni studenti molto critici con la Ferranti.

Adinolfi risponde: “Il rettore dovrebbe occuparsi di difendere la libertà d’espressione della professoressa Ferranti anziché accusarla di oscurantismo e di ‘supponenza fideistica’. Leggo che Adornato nelle sue dichiarazioni si spinge anche a spiegare come andrebbe vissuta la fede, in che maniera andrebbe esternata, da cosa dovrebbe essere animata e che atteggiamento bisogna che il cristiano debba avere davanti all’aborto. Gli ricordo che Papa Francesco ha più volte definito l’aborto come un crimine, arrivando a spiegare che è ‘come assoldare un sicario’. Ora, capisco le ambizioni di Adornato ma gli consiglio di volare più basso e soprattutto non ci insegni come vivere la nostra fede. Adornato è magnifico rettore, non ancora Santo Padre. Il Popolo della Famiglia nazionale si stringe attorno alla professoressa Ferranti, ancora una volta offesa nella sua libertà di non occultare le proprie convinzioni. Evidentemente a Macerata si insegna agli studenti a diventare perfetti abitanti della Fattoria degli Animali che George Orwell scrisse per descrivere quei regimi ideologici in cui a chiacchiere tutti gli animali sono uguali, ma poi nei fatti alcuni animali sono più uguali degli altri. Così alcune idee alla moda possono essere espresse, altre secondo studenti e rettore vanno tacciate di oscurantismo. Noi, come sempre, combattiamo per la libertà di tutti ma non tollereremo oltre che venga lesa la nostra”.