Amministrative 2020, Mario Adinolfi: Siamo contraltare a Calenda - Renzi - Bonino, Eleggiamo più amministratori di Italia Viva

22/09/2020 - Mario Adinolfi
IncrFont Stampa Facebook Twitter

AAA cerchiamo braccia e cuore, astenersi perditempo!

Carissimo/a, cerchiamo collaborazioni in tutta Italia per fondare nuovi circoli del Popolo della Famiglia. Il Popolo della Famiglia è un soggetto politico aconfessionale e valoriale, di ispirazione cristiana aperto a tutti quelli che condividono il suo programma in difesa dei valori “non negoziabili”: il diritto alla vita; il diritto dei figli ad avere un padre e una madre; la dignità della persona, del lavoro e la sussidiarietà. Se condividi i nostri ideali e se vuoi aiutarci a difenderli, ti invitiamo a contattarci tramite questa pagina. Grazie.

Mario Adinolfi sottolinea i risultati del suo Popolo della Famiglia alle amministrative, in particolare in relazione alla triade Renzi-Bonino-Calenda: “In Veneto i renziani di Italia Viva si fermano allo 0.6% in Regione e al 3% senza seggi in Comune a Venezia. Il Popolo della Famiglia vince a Venezia con Brugnaro e il pidieffino Paolino D'Anna è il più votato. PdF batte Renzi uno a zero. Il nord non va bene, è troppo leghista? Andiamo al sud dove Italia Viva sembra essere soddisfatta con il suo 7% con De Luca. A Ercolano il Popolo della Famiglia va in doppia cifra al 12% e elegge due consiglieri comunali. Ora possiamo tornare al Nord? A Mestre viene dato per eletto il nostro dirigente regionale veneto Massimiliano Zannini e ci attendiamo nuove belle notizie dai pidieffini candidati in altre municipalità veneziane. A Roiate in provincia di Roma il PdF sbaraglia le altre liste e sarà con il 9.15% e tre consiglieri comunali l’unica forza di opposizione al sindaco. A Stresa il nostro Giuseppe De Giovannini è il sesto tra i consiglieri comunali eletti. A Macerata prendiamo l’1% nella coalizione vincente al primo turno con il 52%, a Faenza l’1.3% nella coalizione perdente, a Senigallia siamo al 3.5% decisivi per il ballottaggio e nelle Marche la nostra intesa con i Civici frutta un consigliere regionale eletto. A Saronno siamo al 3% in un’operazione politica che aveva come contraltare proprio quella dell’unificazione di Italia Viva, Calenda e Bonino, anche loro al 3% ma in tre. In sintesi da oggi il Popolo della Famiglia, che non ha deputati e ministri come Renzi né l’appeal televisivo di Calenda e Renzi, chiede di avere almeno pari attenzione mediatica visto che a mani nude ottiene risultati migliori sui territori in tutta Italia, con amministratori locali eletti ovunque che si fanno valere per il rigore che nasce da quell’ispirazione cristiana che vogliamo tornare a far vivere in politica. Ne eleggiamo più noi di loro. Renzi, Calenda e Bonino sono centristi senza valori, centristi per mero posizionamento geometrico. Il Popolo della Famiglia viene riconosciuto come un’area valoriale organizzata e la nostra crescita merita almeno di essere indagata”.