Arzano: piove sul bagnato e si sommano danni ai danni

Pubblicato il 15/10/2020 Autore/Fonte: Pdf Arzano Visite: 67
IncrFont Stampa Facebook Twitter

Giuseppe Capezzuto coordinatore locale del Popolo della Famiglia dichiara – La commissione straordinaria ha emanato ieri un’ordinanza che impone una sorta di lockdown anomalo in quanto “colpisce quasi esclusivamente”, il commercio locale già fortemente penalizzato dal precedente lockdown e da una politica assente da ormai troppo tempo che non ne tutela gli sforzi ne incentiva la crescita – le attività  commerciali fatte prevalentemente a conduzione familiare, vanno tutelate, invece ancora una volta constatiamo che si prendono decisioni che non tengono conto dei danni che si arrecano a queste famiglie.

Prevenire il propagarsi del virus non vuol dire “ammazzare l’economia di una città già lasciata a se stessa”. Prevenire i contagi non trova la soluzione chiudendo i negozi inducendo ad un Esodo certo gli Arzanesi verso servizi nei paesi limitrofi. Che soluzione è questa? Paghiamo la mancanza di organi di controllo e decisioni prese in modo drastico. Paghiamo ancora una volta la mancanza di una politica che si cali nei bisogni dei cittadini, di una città che ormai davvero non ce la fa più!

Conclude Capezzuto – come Popolo della Famiglia di Arzano, chiediamo a tutti gli organi competenti di rivedere urgentemente questa NON CHIARA ne FUNZIONALE ordinanza a tutela di chi ne sta pagando le conseguenze senza esserne direttamente colpevole.
Ci occorrono soluzioni concrete, condivise e che siano veramente utili a contenere i contagi, non ad ammazzare il commercio Arzanese e incentivare gli stessi Arzanesi ad andare fuori paese sentendosi cittadini di tutti tranne che di Arzano.

Fonte: Cronache Campania