Cookie Consent by PrivacyPolicies.com


Atea e obiettrice di coscienza: «Non si può abortire così»

La Croce Quotidiano - Pubblicato il 22/04/2021 - Visite: 94 Facebook Twitter
IncrFont Stampa

Cara Rachele, ti scrivo perché sei stata tu per prima a raccontarmi di te. Ovviamente ti chiedo l’anonimato, per ovvi motivi legati al mio lavoro. Sai che sono ginecologa. Mi occupo per lo più di interventi di ginecologia e meno di sala parto. Da una decina d’anni sono ‘obiettrice di coscienza’ non per coscienza. Mi spiego: per me lo Stato deve dare la possibilità alla donna d’interrompere la gravidanza. Non mi sono mai fatta un problema nel fatto di accogliere la donna che chiedeva sia di abortire nel primo trimestre, sia di farlo nel secondo. Tuttavia io credo che siamo giunti al culmine quando in consultori e ambulatori hanno iniziato a distribuire certificati per l’IVG in qualunque situazione, evitando sia di sensibilizzare a donna verso il figlio (talvolta basta l’ecografia), sia di applicare la Legge che indica chiaramente di aiutare la donna a non procedere. Nessuno avvisa le donne che potrebbero poi soffrire a livello psichico, ovviamente. Certificato e basta.
Ma io, come ti ho detto, ho dovuto smettere. Vedere la donna che abortisce perché deve andare in vacanza, quella che lo fa per la quinta volta, quella che lo fa perché è l’uomo sbagliato, quella che lo fa perché l’uomo è brutto (sì, pure quello). Chiedi alle tue colleghe dei consultori, se non ci credi! La legge-rezza delle mamme che portano le figlie (anche maggiorenni) e le convincono perché così possono studiare…
Io non ce la facevo più. Un conto è dare la possibilità in extremis (può capitare e non sta a noi giudicare), un conto è usare l’aborto in questo modo, approfittando del fatto che lo Stato appoggia. Io non ci stavo più. Qui non c’entra il fatto di essere religiosi o meno (sai bene che sono atea), qui è questione di onestà intellettuale e professionalità. Il problema dell’obiezione è che verrà arginata con la privatizzazione dell’aborto grazie alla RU486, e questo sappiamo tutti, nei corridoi dell’ospedale.
G.

Cara G., tutto questo è molto difficile da scrivere. Ti ringrazio della sincerità. Custodisco nel cuore le tue impressioni e le tue parole. Purtroppo ho avuto conferme da amiche che lavorano a livello consultoriale: mi confermano le tue informazioni. Mi spiace tu voglia l’anonimato perché potresti rispondere a tante domande, soprattutto di chi è contro l’obiezione di coscienza, ma capisco. Alcune colleghe hanno smesso di lavorare (giusto di recente ne parlavo con una che è davvero cara) perché è difficile aiutare le donne, se l’idea di farlo è solo quella di aiutarle a non essere madri. Grazie.

Scrivi la tua riflessione o le tue domande alla mail: donnesottolacroce@gmail.com

AAA cerchiamo braccia e cuore, astenersi perditempo!

Carissimo/a, cerchiamo collaborazioni in tutta Italia per fondare nuovi circoli del Popolo della Famiglia. Il Popolo della Famiglia è un soggetto politico aconfessionale e valoriale, di ispirazione cristiana aperto a tutti quelli che condividono il suo programma in difesa dei valori “non negoziabili”: il diritto alla vita; il diritto dei figli ad avere un padre e una madre; la dignità della persona, del lavoro e la sussidiarietà. Se condividi i nostri ideali e se vuoi aiutarci a difenderli, ti invitiamo a contattarci tramite questa pagina. Grazie.