E i grillini ridono...

24/06/2020 - Mario Adinolfi
IncrFont Stampa Facebook Twitter

AAA cerchiamo braccia e cuore, astenersi perditempo!

Carissimo/a, cerchiamo collaborazioni in tutta Italia per fondare nuovi circoli del Popolo della Famiglia. Il Popolo della Famiglia è un soggetto politico aconfessionale e valoriale, di ispirazione cristiana aperto a tutti quelli che condividono il suo programma in difesa dei valori “non negoziabili”: il diritto alla vita; il diritto dei figli ad avere un padre e una madre; la dignità della persona, del lavoro e la sussidiarietà. Se condividi i nostri ideali e se vuoi aiutarci a difenderli, ti invitiamo a contattarci tramite questa pagina. Grazie.

Oggi a fronte della campagna de La Croce contro il governo degli scappati di casa e in particolare su Dj Foffo ministro della Giustizia, un grillino con sprezzo del pericolo ci ha scritto: “Ditemi qual è stato un ministro della Giustizia più serio di Alfonso Bonafede, così ridiamo”. Abbiamo dovuto rispondere con un rapidissimo elenco a memoria di nomi legati ai tempi recenti: “Mino Martinazzoli, Aldo Moro, Giuliano Vassalli, Paola Severino e Claudio Martelli poi ne potremmo citare un’altra decina ma poiché se scrivi così sei più ciuccio di Bonafede, lasciamo perdere perché è inutile”. Avremmo ovviamente ricordato il rigore di Attilio Piccioni, Adone Zoli, Guido Gonella, Tommaso Morlino, Adolfo Sarti, Giovanni Conso, Giovanni Maria Flick, Virginio Rognoni, Oronzo Reale, Clelia Darida e di quella Annamaria Cancellieri per la quale per colpe infinitamente meno rilevanti di quelle di cui è accusato Bonafede, lo stesso Bonafede con tutto il M5S mise su una campagna denigratoria pretendendone le dimissioni. Ovviamente avremmo ricordato anche il liberale Alfredo Biondi, che ci ha appena lasciato dopo una vita trascorsa a fare l’avvocato e il politico, senza doversi vergognare né dell’una né dell’altra attività. Eh, ma il grillino ride, beato nella sua sempre crassa ignoranza convinto che prima del grillismo al governo ci fossero le cavallette quando le cavallette sono arrivate con Foffo. Ridi, pagliaccio...