Cookie Consent by PrivacyPolicies.com


Flash mob comunale pro-Von Der Leyen in piazza della Signoria, con Sindaco e cinque Assessore donne.

Pdf Firenze - Pubblicato il 12/04/2021 - Visite: 36 Facebook Twitter
IncrFont Stampa

Il Popolo della Famiglia Firenze (PdF) ha preso nota del flash-mob effettuato sabato scorso in piazza della Signoria dal Sindaco Nardella e da cinque Assessore donne della Sua Amministrazione, in segno di solidarietà con il presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, per il noto caso sofagate in Turchia. Il PdF aveva apprezzato quanto ha osservato in merito Gianandrea Gaiani, noto esperto di politica estera e militare, sull'agenzia informativa La Nuova Bussola Quotidiana, e ha creduto opportuno trasmetterlo al Primo Cittadino di Firenze.

Il referente del Popolo della Famiglia per Firenze, Pier Luigi Tossani, ha così scritto a Nardella (originale allegato alla presente):


    "Signor Sindaco, abbiamo quindi una pesante dichiarazione del Premier italiano Draghi, dalla quale il Premier turco Erdogan, che di certo a noi non sta simpatico, ha però buon gioco a far emergere che perlomeno lui è stato eletto dal popolo, mentre il suo omologo italiano no.

    Inoltre, c'è il fatto che Draghi parla, a nostro parere poco prudentemente, di "questi dittatori, chiamiamoli per quello che sono, di cui però si ha bisogno". Se dici in pubblico che hai bisogno di un dittatore, si intende che il coltello dalla parte del manico ce l'ha lui, non tu. Questo è un inopportuno segnale di grande debolezza. Da tutto questo si evince che, mentre a Firenze si discute, ci si siede o si sta in piedi in piazza della Signoria, al tempo stesso, Roma, ma anche Bruxelles, vengono espugnate. Questo accade anche a causa del ricatto politico di Erdogan - soldi alla Turchia per fermare i migranti - al quale la stessa presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen ha collaborato a sottomettere l'Unione, invece di affrontare la realtà, per quanto spiacevole essa sia. Ma i nodi arriveranno comunque fatalmente al pettine, come accadde al tempo del crollo dell'Impero romano.

    Quindi, crediamo che la Sua Amministrazione assai meglio farebbe a preoccuparsi di questo, invece che delle scortesie di etichetta, che non sono casuali manifestazioni di misoginia antifemminista, ma rappresentano deliberate dimostrazioni di potenza. Chi ignora questo, lascia ampi spazi al remake del crollo dell'Impero.

    In ultimo, abbiamo già visto i primi risultati tangibili delle dichiarazioni di Draghi: "La vendetta del “dittatore”: bloccati elicotteri per 70 mln". Vien da pensare che Draghi abbia sbagliato mestiere: con con il suo savoir faire, avrebbe potuto intraprendere la carriera diplomatica".

AAA cerchiamo braccia e cuore, astenersi perditempo!

Carissimo/a, cerchiamo collaborazioni in tutta Italia per fondare nuovi circoli del Popolo della Famiglia. Il Popolo della Famiglia è un soggetto politico aconfessionale e valoriale, di ispirazione cristiana aperto a tutti quelli che condividono il suo programma in difesa dei valori “non negoziabili”: il diritto alla vita; il diritto dei figli ad avere un padre e una madre; la dignità della persona, del lavoro e la sussidiarietà. Se condividi i nostri ideali e se vuoi aiutarci a difenderli, ti invitiamo a contattarci tramite questa pagina. Grazie.