Mario Adinolfi chiede un chiarimento sulle celebrazioni pubbliche

03/05/2020 - Faro di Roma
IncrFont Stampa Facebook Twitter

AAA cerchiamo braccia e cuore, astenersi perditempo!

Carissimo/a, cerchiamo collaborazioni in tutta Italia per fondare nuovi circoli del Popolo della Famiglia. Il Popolo della Famiglia è un soggetto politico aconfessionale e valoriale, di ispirazione cristiana aperto a tutti quelli che condividono il suo programma in difesa dei valori “non negoziabili”: il diritto alla vita; il diritto dei figli ad avere un padre e una madre; la dignità della persona, del lavoro e la sussidiarietà. Se condividi i nostri ideali e se vuoi aiutarci a difenderli, ti invitiamo a contattarci tramite questa pagina. Grazie.

“Lunedì andrò a Messa. Non ritengo di violare alcuna disposizione del Dpcm”.Lo afferma Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia (PdF), che in un nota sottolinea come il Dpcm sulle riaperture di fatto non fissi un concreto limite alla partecipazione alle Messe: “Ma è davvero così difficile per Conte essere chiaro? Dopo i congiunti e gli affetti stabili, adesso ci tocca impazzire sul concetto di ‘significativa pluralità’. Leggo infatti dal Dpcm sulle riaperture che le Messe non si possono celebrare ‘in presenza di una significativa pluralità di fedeli’. Ma scrivere un numero, no? Non ricordo nell’ultimo anno di aver mai partecipato a una Messa feriale con più di dieci persone tra i cinquanta banchi della chiesa che frequento abitualmente.

Fonte: Faro di Roma