Blog del Popolo della Famiglia

Mario Adinolfi: No a esclusione figura paterna, di mamma ce n'è una sola

08/10/2019 - Adnkronos
Visite: 41
whatsapp

Se la Consulta domani si esprimerà in favore delle due donne, una italiana ed una americana, che vorrebbero farsi riconoscere entrambe come madri di un bambino concepito in una clinica danese, "Bibbiano farà il suo ingresso in Corte Costituzionale, perché salutando una norma che accetta la finta genitorialità, si costruisce una ideologia". A dirlo all'Adnkronos è Mario Adinolfi, fondatore del Popolo della Famiglia, riferendosi all'udienza di domani alla Corte costituzionale, chiamata a decidere sulla vicenda di due donne, una statunitense e l’altra italiana, sposate negli Usa, che hanno deciso di avere un figlio ricorrendo in Danimarca alla fecondazione assistita eterologa.
 

Rispetto alla controversia sulle disposizioni che disciplinano la formazione dell’atto di nascita escludendo il rinvio al diritto straniero, Adinolfi afferma con convinzione: "Ci si regoli come per la sharia. Prevale la Costituzione italiana. Su 220 paesi, ammettono il matrimonio omosessuale soltanto in 18. Speriamo che la Consulta non decida in favore delle due aspiranti madri - afferma Adinolfi - perchè dal mio punto di vista, come dicono i sani detti popolari, 'di mamma ce n'è una sola'. Non ci sono ragioni in diritto che tengono - prosegue il leader del Popolo della Famiglia - perché non ci sono ragioni in natura per cui si possa dire che un figlio sia stato partorito da due donne e perché dal punto di vista del diritto non esiste alcuna formula familiare riconducibile a due donne: l'articolo 29 spiega infatti che la famiglia è la societa naturale fondata sul matrimonio".

Quindi Adinolfi denuncia: "Si entra con un cavallo di Troia per poi aprire a tutte le conseguenze inevitabili", legate alla finta genitorialità. "Le vicende di Bibbiano hanno provato a forzare questo meccanismo salutando la norma che la prevede. Mi auguro che domani l'ideologia di Bibbiano non entri in Corte costituzionale. Perché Bibbiano - rimarca - non è un episodio, ma una filosofia: che la genitorialità sia qualcosa che riguarda le intenzioni degli adulti e non i diritti dei bambini. Legittima l'utero in affitto escludendo la figura materna dall'orizzonte di vita di un figlio ed è l'ideologia di due mamme che escludono la figura paterna dall'ideologia di un bambino - rimarca il politico - Facce di una stessa medaglia, lesioni evidenti di un diritto primario e naturale dell'individuo: sapere chi sia tuo padre e chi sia tua madre".

"Ma saranno i bambini stessi a chiedere ragione - ammonisce il leader del Popolo della famiglia - Con che diritto mi sottrai la figura paterna e mi privi di mia madre?".

Fonte: Roberta Lanza, AdnKronos



Sito ufficiale del Popolo della Famiglia
La Croce Quotidiano