Mario Adinolfi: il 26 gennaio alle elezioni regionali in Emilia-Romagna votate il Popolo della Famiglia!

16/01/2020 - Pdf
IncrFont Stampa Facebook Twitter

AAA cerchiamo braccia e cuore, astenersi perditempo!

Carissimo/a, cerchiamo collaborazioni in tutta Italia per fondare nuovi circoli del Popolo della Famiglia. Il Popolo della Famiglia è un soggetto politico aconfessionale e valoriale, di ispirazione cristiana aperto a tutti quelli che condividono il suo programma in difesa dei valori “non negoziabili”: il diritto alla vita; il diritto dei figli ad avere un padre e una madre; la dignità della persona, del lavoro e la sussidiarietà. Se condividi i nostri ideali e se vuoi aiutarci a difenderli, ti invitiamo a contattarci tramite questa pagina. Grazie.

Ci sono infinite ragioni per votare PdF il 26 gennaio in Emilia Romagna: i milioni di euro versati alla lobby Lgbt dalla Regione guidata da Bonaccini in miriadi di forme (esemplificativi i centomila euro a Gender Blender, festival di “cultura omosessuale” caratterizzato dalle performances di pornoattori gay), la legge sulla omotransfobia (che in Emilia Romagna semplicemente non esiste, varata sempre per dare milioni alla lobby), la follia eugenetica nazista del Nipt gratuito (decine di milioni di euro per rintracciare le “anomalie cromosomiche” dei nascituri e procedere così alla mattanza dei bambini down). Ora si aggiunge l’asilo nido obbligatorio: Joanna viene allattata al seno da Silvia a 15 mesi, per Bonaccini deve essere obbligatoriamente tolta alla madre e affidata per otto ore a estranei. Poi dite perché l’Emilia Romagna è la regione di Bibbiano. Che per i sostenitori di Bonaccini è stato “un raffreddore”. E invece è il frutto del tumore antifamilista di una cultura che va battuta. Nelle urne, votando Popolo della Famiglia e Borgonzoni presidente.

Mario Adinolfi