Mario Adinolfi: Pronto a sfidare Conte a Sassari

05/06/2020 - Mario Adinolfi
IncrFont Stampa Facebook Twitter

AAA cerchiamo braccia e cuore, astenersi perditempo!

Carissimo/a, cerchiamo collaborazioni in tutta Italia per fondare nuovi circoli del Popolo della Famiglia. Il Popolo della Famiglia è un soggetto politico aconfessionale e valoriale, di ispirazione cristiana aperto a tutti quelli che condividono il suo programma in difesa dei valori “non negoziabili”: il diritto alla vita; il diritto dei figli ad avere un padre e una madre; la dignità della persona, del lavoro e la sussidiarietà. Se condividi i nostri ideali e se vuoi aiutarci a difenderli, ti invitiamo a contattarci tramite questa pagina. Grazie.

Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia, commenta così le indiscrezioni su una possibile candidatura del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, alle suppletive per il Senato nel collegio di Sassari: “Ho legato molta parte della mia attività politica alla Sardegna, guidando le liste del Popolo della Famiglia al Senato proprio in quella regione alle elezioni del 2018. Ho annunciato di conseguenza da tempo la mia candidatura per le suppletive dell’autunno 2020 nel collegio che comprende tutta la provincia di Sassari e 15 comuni del Nuorese, dove sono pronto a sfidare il presidente Conte qualora volesse finalmente misurarsi con il consenso elettorale. Ho maturato in questi anni una conoscenza talmente approfondita dei bisogni delle famiglie sarde da poter dire con certezza che il candidato Giuseppe Conte sarebbe bocciato dai sardi, con conseguente caduta del governo giallorosso. Per questo credo che Conte non abbia alcuna reale intenzione di candidarsi e che questa ‘soffiata’ serva solo ai noti spin doctor di Palazzo Chigi per spingere la fake news di un partito di Conte che sarebbe al 14%. Il Popolo della Famiglia, che alle ultime suppletive a Roma ha dimostrato di essere in crescita di consensi, è comunque pronto a confrontarsi in Sardegna e ovunque per rappresentare i concreti bisogni delle famiglie italiane, prese in giro dal presidente Conte nella gestione della crisi Covid”.