Nicola di Matteo: A tutti coloro che diranno che il Popolo della Famiglia è un partito troppo piccolo, il voto è inutile...

06/05/2019 - Nicola di Matteo
IncrFont Stampa Facebook Twitter

AAA cerchiamo braccia e cuore, astenersi perditempo!

Carissimo/a, cerchiamo collaborazioni in tutta Italia per fondare nuovi circoli del Popolo della Famiglia. Il Popolo della Famiglia è un soggetto politico aconfessionale e valoriale, di ispirazione cristiana aperto a tutti quelli che condividono il suo programma in difesa dei valori “non negoziabili”: il diritto alla vita; il diritto dei figli ad avere un padre e una madre; la dignità della persona, del lavoro e la sussidiarietà. Se condividi i nostri ideali e se vuoi aiutarci a difenderli, ti invitiamo a contattarci tramite questa pagina. Grazie.
A tutti coloro che diranno che il Popolo della Famiglia è un partito troppo piccolo, il voto è inutile, mi permetto ricordare:
Il tuo voto, impropriamente detto INUTILE, consente al Popolo della Famiglia di esistere e di parlare a favore della vita e della maternità.
Il tuo voto, impropriamente detto UTILE, consente a Lega e 5 Stelle di governare liberalizzando il commercio di droga e di preparare l'Italia alla legalizzazione di eutanasia e prostituzione.
Bastano pochi voti non proprio INUTILI per consentire al Popolo della Famiglia di continuare a smascherare l'ipocrisia e la falsità.

L'aborto è una sentenza di morte emessa contro un innocente.
La mamma che abortisce è vittima dei partiti che diffondono questa cultura.
La prostituzione è la schiavitù più antica del mondo, che la Lega vuole legalizzare.
Eutanasia e  suicidio assistito sono false libertà pensate per eliminare i più fragili.
La triptorelina è stata autorizzata dall'attuale governo per bloccare la pubertà a bambini usati come cavie.
La cannabis è in vendita come fosse una innocua erba per tisana grazie all'ideologia dei 5 stelle e del PD.
L'utero in affitto è una barbarie che piano piano cercano di sdoganare.

Usa bene il tuo voto alle elezioni regionali ed Europee del 26 Maggio. Non votare contro coscienza.