Nicola Di Matteo: «Le polemiche elettorali le lasciamo ad altri. Bene Zaia sulla famiglia»

25/05/2020 - Nicola di Matteo
IncrFont Stampa Facebook Twitter

AAA cerchiamo braccia e cuore, astenersi perditempo!

Carissimo/a, cerchiamo collaborazioni in tutta Italia per fondare nuovi circoli del Popolo della Famiglia. Il Popolo della Famiglia è un soggetto politico aconfessionale e valoriale, di ispirazione cristiana aperto a tutti quelli che condividono il suo programma in difesa dei valori “non negoziabili”: il diritto alla vita; il diritto dei figli ad avere un padre e una madre; la dignità della persona, del lavoro e la sussidiarietà. Se condividi i nostri ideali e se vuoi aiutarci a difenderli, ti invitiamo a contattarci tramite questa pagina. Grazie.

«Una buona legge che offre ai genitori aiuti concreti per i loro figli». Queste le parole del Coordinatore Nazionale del Popolo della Famiglia, Nicola Di Matteo, che ha commentato l’approvazione della legge regionale del Veneto a favore della Famiglia. «Come movimento politico che afferma il ruolo centrale e decisivo della Famiglia nella società, non possiamo che essere contenti di questa legge regionale, denominata “Norme a sostegno della natalità e della cura dei minori” che appare come un segno di speranza per le molte famiglie messe in difficoltà, anche in Veneto, dai lunghi mesi di lock-down». «Siamo il Popolo della Famiglia» ha proseguito Massimiliano Zannini, del PdF Venezia e referente regionale «e il nostro grazie va alla Regione Veneto che ha riconosciuto il ruolo fondamentale della Famiglia con una legge che prevede aiuti economici, pratici e servizi in aiuto».

Il coordinatore nazionale, Nicola Di Matteo, ha ricordato come «l’istituzione di un assegno di pre-natalità è buona cosa ed anticipa la proposta di legge di iniziativa popolare del “Reddito di maternità” che il PdF con oltre 55 mila firme raccolte, ha depositato nello scorso giugno 2019 alla Camera dei Deputati». Massimiliano Zannini, a nome del PdF Veneto ha concluso: «Speriamo le misure prese dalla Regione Veneto, possano essere replicate anche in altre realtà, e che il “modello Veneto” possa estendersi dalla gestione dell’emergenza sanitaria Covid-19, anche a quello dell’attenzione per le politiche in favore della Famiglia, dei più deboli e bisognosi di aiuto».