Per quattro dei settantaquattro

02/06/2020 - Mario Adinolfi
IncrFont Stampa Facebook Twitter

AAA cerchiamo braccia e cuore, astenersi perditempo!

Carissimo/a, cerchiamo collaborazioni in tutta Italia per fondare nuovi circoli del Popolo della Famiglia. Il Popolo della Famiglia è un soggetto politico aconfessionale e valoriale, di ispirazione cristiana aperto a tutti quelli che condividono il suo programma in difesa dei valori “non negoziabili”: il diritto alla vita; il diritto dei figli ad avere un padre e una madre; la dignità della persona, del lavoro e la sussidiarietà. Se condividi i nostri ideali e se vuoi aiutarci a difenderli, ti invitiamo a contattarci tramite questa pagina. Grazie.

Ho vissuto in politica trentacinque anni di storia repubblicana, con un percorso che da giovanissimo militante mi ha fatto arrivare fino all’onore di rappresentare la nazione alla Camera dei Deputati. Poi per quattro dei settantaquattro anni di storia della Repubblica italiana abbiamo incastonato nel mosaico di voci che la compone quella preziosa e netta del Popolo della Famiglia. Lo abbiamo fatto tutti insieme, coinvolgendo centinaia di migliaia di persone. Nel quadriennio 2016-2020 avete trovato sulla scheda in qualche modo e avete dunque potuto votare il simbolo del PdF alle elezioni politiche nazionali del 2018, alle elezioni europee del 2019, alle elezioni regionali del Molise 2018, del Piemonte 2019 e dell’Emilia Romagna 2020, alle suppletive Camera a Roma 2020 (e ci vedremo a Sassari a settembre per il Senato). Per quanto riguarda le amministrative ci siamo presentati (o stiamo per presentarci) nelle seguenti città: Torino, Novara, Imperia, Genova, Milano, Varese, Brescia, Crema, Bolzano, Verona, Padova, Treviso, Conegliano, Venezia, Vicenza, Bologna, Modena, Forlì, Cesena, Rimini, Riccione, Ravenna, Faenza, Massa, Perugia, Macerata, Teramo, Chieti, Roma, Napoli, Salerno, Lecce, Cagliari, Matera, Gela, Agrigento più una infinità di piccoli comuni. Abbiamo due vicesindaci e dieci eletti, abbiamo portato in Gazzetta Ufficiale la proposta di legge sul reddito di maternità sostenuta da oltre cinquantamila italiani, depositandola in Parlamento. Quotidianamente abbiamo elaborato idee e avanzato proposte, alternative ai quattro governi che abbiamo visto passarci davanti in quattro anni (Renzi, Gentiloni, Conte 1 e Conte 2), si trovano pubblicate su La Croce. Abbiamo costruito un luogo di formazione permanente collegato a La Croce e denominato Università della Politica, che il 20 giugno riaprirà i battenti. Nei prossimi giorni ufficializzeremo la data del primo congresso nazionale del Popolo della Famiglia, a quattro anni dall’assemblea costituente dell’11 marzo 2016 al Palazzetto delle Carte Geografiche in Roma. Da tutta Italia si ritroveranno dirigenti e militanti del Popolo della Famiglia per indicare la strada da seguire nel prossimo quadriennio, che sarà segnato dalla tragedia Covid le cui conseguenze economiche si abbatteranno sulle famiglie italiane. Per chi saprà dare risposte concrete e credibili, non ideologiche, si schiude un tempo di opportunità al servizio del Paese. Se vuoi sentire la festa della Repubblica “un po’ più tua” entra nel solo luogo dove si fa la sua storia essendo ognuno protagonista: iscriviti al Popolo della Famiglia, partecipa al primo congresso nazionale, leggi il quotidiano La Croce e proponi per la pubblicazione le tue idee. Milita nell’unico movimento politico erede della secolare storia del popolarismo italiano, che venne immaginato e fondato da don Luigi Sturzo come risposta dei cristiani all’avanzata tumultuosa delle proposte ideologiche e per questo intrinsecamente violente. Compi oggi la tua scelta di impegno per il bene della Repubblica italiana, per la piena attuazione dell’articolo 31 della sua Costituzione, per la riaffermazione di una radice cristiana smarrita la quale l’Italia e l’Europa sembrano aver perso la corretta direzione di marcia. Non invocare il cambiamento, incarnalo con una scelta di impegno. Il Popolo della Famiglia ti aspetta, facciamo la storia.