Popolo della Famiglia Venezia: “Solidarietà e sostegno al popolo armeno”

Pubblicato il 13/10/2020 Autore/Fonte: Pdf Venezia Visite: 58
IncrFont Stampa Facebook Twitter

Il Circolo del Popolo della Famiglia di Venezia si unisce all’apprezzamento espresso ieri durante l’Angelus da papa Francesco sulla tregua concordata per motivi umanitari tra l’Arzebaijan e l’Armenia che dal 27 settembre scorso sono in guerra per l’annosa contesa del Nagorno-Karabakh, una regione di confine tra i due stati, di etnia armena e di religione cristiana da loro chiamata Artsakh.
Esprime la speranza che il cessate il fuoco, ottenuto con la mediazione russa, dopo gravi perdite umane e distruzioni di abitazioni e luoghi di culto, porti le parti ad un sostanziale accordo di pace.
Auspica che il negoziato sia risolutivo soprattutto per la popolazione armena già oggetto dal 1992, anno in cui ci fu il primo sanguinoso conflitto, di un chiaro tentativo di grave limitazione dell’indipendenza e della libertà da parte dell’Arzebaijan, appoggiato dalla Turchia.
Manifesta al popolo armeno, che ha sofferto nei secoli passati una serie di persecuzioni fino ad arrivare all’impunito genocidio nel 1915, tutta la propria solidarietà e sostegno.
Si augura che il loro giovane seminarista , in Armenia per le vacanze e costretto ad arruolarsi, possa ritornare a Venezia sano e salvo per continuare gli studi e per questo si unisce all’appello alla solidarietà nei suoi confronti. La nostra città ha infatti un forte legame storico e religioso per la presenza nell’isola di S. Lazzaro fin dal 1700 di una  comunità di monaci scappati dalla persecuzione ottomana e accolti allora dalla Serenissima.

Il Popolo della Famiglia – Circolo di Venezia
Il presidente Massimiliano Zannini