Presidio del Popolo della Famiglia, mercoledì prossimo, davanti al Tribunale di Massa

07/07/2020 - Nove
IncrFont Stampa Facebook Twitter

AAA cerchiamo braccia e cuore, astenersi perditempo!

Carissimo/a, cerchiamo collaborazioni in tutta Italia per fondare nuovi circoli del Popolo della Famiglia. Il Popolo della Famiglia è un soggetto politico aconfessionale e valoriale, di ispirazione cristiana aperto a tutti quelli che condividono il suo programma in difesa dei valori “non negoziabili”: il diritto alla vita; il diritto dei figli ad avere un padre e una madre; la dignità della persona, del lavoro e la sussidiarietà. Se condividi i nostri ideali e se vuoi aiutarci a difenderli, ti invitiamo a contattarci tramite questa pagina. Grazie.

Presidio del Popolo della Famiglia, mercoledì prossimo, davanti al Tribunale di Massa, dove si celebra l'udienza conclusiva del processo Cappato-Welby, per il concorso al suicidio di Davide Trentini, in Svizzera. I militanti del PdF, saranno presenti, non solo dalla Toscana ma anche da fuori regione, in questa circostanza importantissima, nella quale sono in gioco i fondamenti della nostra civiltà, non solo giuridica, ma tout court".

Il referente del PdF per la Toscana, Pier Luigi Tossani, dichiara: "Speriamo di non essere il solo partito politico presente, come è stato la volta scorsa, a ritrovarci a difendere, con la nostra presenza, il principio basilare di civiltà, per cui i membri più deboli della nostra società devono essere sempre accolti nella loro dignità di persona umana, e amorevolmente accuditi fino alla morte naturale, anziché terminati per il loro bene, come fossero cavalli azzoppati o come se si volesse fare una sinistra replica della hitleriana Aktion-T4, nel 1938. Dispiace che gli altri partiti partiti non si siano resi conto che la salvaguardia di questo baluardo fondante deve essere un caposaldo irrinunciabile per tutti. Non si pensi che, dopo la fase acuta della crisi del Covid-19, l'economia e il lavoro possano riprendere, e il Paese prosperare, se malauguratamente dovessimo imboccare il piano inclinato della legalizzazione dell'aiuto al suicidio. Questa sarebbe la più tragica delle illusioni. Davide Trentini, malato di Sla, non era collegato ad alcun supporto vitale, a differenza di Piergiorgio Welby e DJ Fabo, dunque la questione non integra la fattispecie per cui la Corte Costituzionale ha parzialmente depenalizzato l'articolo 580 del codice penale. Cappato e Welby hanno voluto prendersi la responsabilità di alzare l'asticella della sfida al rispetto per l'uomo, all'amore e alla vita, per loro motivi squisitamente ideologici. Quindi, nella lettera e nello spirito non solo del diritto naturale, ma nello specifico anche della legge positiva, vanno condannati. Ci auguriamo, non solo per il bene dell'Italia, ma anche dell'umanità intera, che, parafrasando Bertolt Brecht, ci sia un Giudice a Massa."

Fonte: Nove.Firenze.it