Rimini, Elezioni regionali, Il Popolo della famiglia in lotta contro la cannabis: "Danneggia il cervello"

20/01/2020 - Rimini Today
IncrFont Stampa Facebook Twitter

AAA cerchiamo braccia e cuore, astenersi perditempo!

Carissimo/a, cerchiamo collaborazioni in tutta Italia per fondare nuovi circoli del Popolo della Famiglia. Il Popolo della Famiglia è un soggetto politico aconfessionale e valoriale, di ispirazione cristiana aperto a tutti quelli che condividono il suo programma in difesa dei valori “non negoziabili”: il diritto alla vita; il diritto dei figli ad avere un padre e una madre; la dignità della persona, del lavoro e la sussidiarietà. Se condividi i nostri ideali e se vuoi aiutarci a difenderli, ti invitiamo a contattarci tramite questa pagina. Grazie.

La lista Popolo della Famiglia-Cambiamo!-Insieme per l’Emilia Romagna ha organizzato sabato un incontro per fare il punto sulla questione droga a Rimini ed in Italia. Il cuore dell’incontro è stata la relazione del Prof. Giovanni Serpelloni, già Capo Dipartimento per le Politiche Antidroga e studioso della materia di fama mondiale. Il professore ha illustrato come "il consumo di cannabis sia aumentato negli ultimi anni e come la concentrazione del THC (la molecola responsabile degli effetti sul cervello) sia progressivamente aumentata, rendendo il commercio di tale sostanza un affare mondiale che vale svariati miliardi di dollari - evidenzia Il Popolo della Famiglia - La definizione di “light” appare inoltre arbitraria in quanto il THC esercita comunque i propri effetti deleteri sul cervello anche a concentrazioni inferiori del 5%. Sono inoltre popolari nuove “formulazioni” come il terribile BHO (Butan Honey Oil): una resina derivata dalla cannabis che contiene concentrazioni elevatissime di THC e che può essere prodotta partendo da prodotti facilmente reperibili sul mercato e seguendo le istruzioni reperibili in rete".


Il dott. Antonio Boschini, responsabile medico di San Patrignano, ha sottolineato come attualmente circa il 10% dei ragazzi in comunità stia partecipando ad un percorso di recupero per uscire dalla dipendenza da cannabis. Un’indagine eseguita fra gli ospiti di San Patrignano ha inoltre evidenziato come oltre il 90% dei tossicodipendenti sia partito da un consumo di Cannabis, spesso iniziato in età adolescenziale.


In chiusura dell’incontro il senatore Carlo Giovanardi "ha sottolineato il ruolo centrale della politica nel contrasto ad ogni forma di tossicodipendenza che deve combattere lo spaccio e favorire il pieno recupero dei nostri ragazzi". Il candidato riminese della lista, Alessandro Margiotta, medico chirurgo, ha sottolineato le sue preoccupazioni come padre di tre figlie: “i negozi di Cannabis Light” ha dichiarato “trasmettono un falso messaggio di sicurezza: anche concentrazioni di THC inferiori al 5% possono essere dannose soprattutto per il cervello dei nostri figli, che raggiunge la piena maturità strutturale dopo i 20 anni”.

Fonte: Rimini Today