Cookie Consent by PrivacyPolicies.com


Signor Sindaco, l'inchiesta della Procura di Firenze sulla COSAP per la Festa provinciale del Pd, ci suggerisce che la COSAP per i cantieri di ristrutturazione dei condomini sia un provvedimento ingiusto

Pdf Firenze - Pubblicato il 28/04/2021 - Visite: 15 Facebook Twitter
IncrFont Stampa

Il Popolo della Famiglia Firenze (PdF) ha preso nota della notizia recente, qui  da "La Nazione", dell'inchiesta della Procura di Firenze, che ha chiesto il rinvio a giudizio del responsabile tecnico della Festa provinciale del Pd, al parco delle Cascine, per le edizioni dal 2014 al 2017. Si legge di "una presunta truffa da oltre 300mila euro ai danni del Comune di Firenze nel pagamento del canone per l'occupazione di spazi e aree pubbliche (COSAP)". Leggiamo, circa le cifre in ballo, che "nel 2014 sarebbero stati pagati al Comune 11.999 euro a fronte degli oltre 87.676 dovuti. Nel 2015 14.426 invece di 90.982; nel 2016 8.827 invece degli 88.652 che avrebbero dovuto essere versati; nel 2017 21.934 euro invece di 126.108".

Il referente del Popolo della Famiglia per Firenze, Pier Luigi Tossani, ha così scritto al Sindaco Nardella (originale allegato alla presente), e per conoscenza a Giovanni Baldazzi, Presidente dell'UPPI, Unione piccoli proprietari immobiliari di Firenze:

"in questa sede, ci guardiamo bene dall'entrare nel merito della questione giudiziaria, lasciandola rigorosamente alle indagini degli inquirenti.

La circostanza però ci interpella per portare in luce la questione della COSAP, che il Comune di Firenze esige per l'occupazione del suolo pubblico per i cantieri dei lavori straordinari di ristrutturazione degli edifici. Come si può vedere dalla ricevuta di pagamento in intestazione, 71 mq di ingombro (in due categorie) per 80 giorni, vengono 7.413,50 euro. Ora, noi paragoniamo i costi per gli spazi di questo che è un cantiere condominiale standard, come se ne vedono tanti, ai 21.934 euro effettivamente pagati dal coordinamento metropolitano di Firenze del Partito Democratico, nel 2017, per la Festa provinciale del Pd al parco delle Cascine. Questa sarà certamente durata meno di 80 giorni, ma immaginiamo sarà stata molto più estesa di 71 metri quadri. A confronto, la spesa per il cantiere condominiale ci sembra elevata.

In realtà, vogliamo fare anche un altro ragionamento. Ovvero, comprendiamo che è logico che il titolare di un'attività commerciale privata che fruisca del suolo pubblico, e dalla quale trae un reddito, debba pagarci una tassa. Anche qui si aprirebbe il discorso della congruità, ma per il momento, in questa sede, accantoniamolo. Ci pare diverso il caso di un condominio, nel quale i proprietari investono sulla loro proprietà per tenerla in modo efficiente e decoroso. Si tratta qui, cioè, di mantenere un capitale, e al tempo stesso, evidentemente, di mantenere bella e ordinata la città della quale quella casa fa parte. D'altronde, l'articolo 47 della nostra Costituzione, propriamente recita:

"La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme"

Ecco dunque che con le tariffe che abbiamo documentato, ci pare che il risparmio capitalizzato in una casa, venga sacrificato, invece di essere incoraggiato. E d'altronde, tutte le agevolazioni statali che sono attualmente in corso per le ristrutturazioni straordinarie, non vanno forse nel senso di agevolare il risparmio? Ci pare allora che questo sia in palmare contraddizione con la COSAP richiesta dal Comune di Firenze per i cantieri di ristrutturazione, e al tempo stesso non ci pare equo verso le famiglie fiorentine che sono proprietarie di una casa, e che peraltro sono soggette ad altri tributi, per quanto è giusto che contribuiscano alle spese della comunità, della quale esse stesse sono parte integrante!

Lei ci potrà dire che da qualche parte il Comune di Firenze i soldi per la gestione delle sua attività li deve prendere, ma comprenderà che questa è una questione di principio: se una cosa è ingiusta, e questa pare proprio esserlo, equità vuole che la Sua Amministrazione rinunci alla tassa per l'occupazione del suolo pubblico per i lavori straordinari di ristrutturazione degli edifici, e, per quanto riguarda le sue spese, si organizzi diversamente, essendo più oculata.

In conclusione, però, realisticamente, ci mettiamo intanto a disposizione dell'Unione piccoli proprietari immobiliari di Firenze, nella persona del suo Presidente, Giovanni Baldazzi, che ci legge per conoscenza. All'UPPI sono esperti in materia, e ci piacerebbe poter eventualmente dibattere più a fondo il tema con loro, per poi fare qualche proposta concreta".

AAA cerchiamo braccia e cuore, astenersi perditempo!

Carissimo/a, cerchiamo collaborazioni in tutta Italia per fondare nuovi circoli del Popolo della Famiglia. Il Popolo della Famiglia è un soggetto politico aconfessionale e valoriale, di ispirazione cristiana aperto a tutti quelli che condividono il suo programma in difesa dei valori “non negoziabili”: il diritto alla vita; il diritto dei figli ad avere un padre e una madre; la dignità della persona, del lavoro e la sussidiarietà. Se condividi i nostri ideali e se vuoi aiutarci a difenderli, ti invitiamo a contattarci tramite questa pagina. Grazie.