Blog del Popolo della Famiglia

Suicidio seconda causa di morte tra i giovani, Bassan (Popolo della Famiglia Padova): “no alla depenalizzazione dell’art.580 cp”

10/09/2019 - Pdf Veneto
Visite: 10
whatsapp

«La Giornata Mondiale per la Prevenzione del Suicidio, promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità il prossimo 10 settembre, ci permette di mettere a fuoco la schizofrenia attuale che pervade i legislatori italiani» ha dichiarato Danilo Bassan, consigliere del Circolo di Padova del Popolo della Famiglia. Infatti, il prossimo 24 settembre la Corte Costituzionale deciderà se depenalizzare l’art.580 del c.p. che sanziona pesantemente l’aiuto al suicidio.

«È trascorso inutilmente l’anno di tempo messo a disposizione del parlamento per legiferare su questo argomento – ha aggiunto Bassan -. Anno di tempo  che le forze parlamentari hanno dedicato ad inviare reciproci insulti ed offese sui social ai vari avversari di turno, tralasciando di presentare una semplice mozione che sarebbe bastata a confermare l’attuale reato descritto nell’art.580 del codice penale: “Chiunque determina altri al suicidio o rafforza l’altrui proposito di suicidio, ovvero ne agevola in qualsiasi modo l’esecuzione è punito, se il suicidio avviene, con la reclusione da cinque a dodici anni“».

Bassan ha poi ricordato le statistiche OMS: «il suicidio, nel mondo, è la seconda causa di morte tra giovani e giovanissimi. Ogni anno nel mondo sono oltre 800 mila le vittime, in media una ogni 40 secondi. È la seconda causa di morte anche per i giovani italiani dai 15 ai 24 anni, perché l’ISTAT certifica che dei 4.000 suicidi l’anno registrati nel nostro paese, oltre il 5% è compiuto da ragazzi sotto i 24 anni. Il suicidio e, più in generale l’autolesionismo, è un fenomeno in rapida crescita tra gli adolescenti e i bambini. Si tratta di una emergenza vera e propria che riguarda i giovani italiani. Questo fenomeno deve essere conosciuto e compreso, e non possiamo che essere preoccupati dalla possibilità che l’art.580 venga depenalizzato.»

Lo spirito che anima la nostra civiltà è certamente quello di trattenere ed aiutare chi vuole “buttarsi giù dal ponte”, non certo quello di aiutarlo dandogli una spinta. Se si hanno pensieri legati al suicidio parlarne e, soprattutto, sentirsi ascoltati è fondamentale: ma parlare con chi vuole aiutare, non certo con chi dietro un lauto compenso, persegue il fine di agevolare il suicidio.

Danilo Bassan conclude «Non esiste un suicidio “buono” propagandato dal principio di “autodeterminazione”, perché la vita non può essere considerata un bene disponibile ed è da sottrarre a qualsiasi manipolazione ideologica. La Giornata Mondiale per la Prevenzione del Suicidio ci dà l’occasione per una maggiore consapevolezza del problema del comportamento suicidiario, evitando di cercare facili scappatoie nella depenalizzazione del 580 codice penale».



Sito ufficiale del Popolo della Famiglia
La Croce Quotidiano