A Deruta la registrazione di un adozione concessa in Germania a due gay. Zmali: Il Comune di Deruta non conosce la sentenza della Corte Costituzionale

22/11/2020 - Pdf Umbria
IncrFont Stampa Facebook Twitter

AAA cerchiamo braccia e cuore, astenersi perditempo!

Carissimo/a, cerchiamo collaborazioni in tutta Italia per fondare nuovi circoli del Popolo della Famiglia. Il Popolo della Famiglia è un soggetto politico aconfessionale e valoriale, di ispirazione cristiana aperto a tutti quelli che condividono il suo programma in difesa dei valori “non negoziabili”: il diritto alla vita; il diritto dei figli ad avere un padre e una madre; la dignità della persona, del lavoro e la sussidiarietà. Se condividi i nostri ideali e se vuoi aiutarci a difenderli, ti invitiamo a contattarci tramite questa pagina. Grazie.

Saimir Zmali, coordinatore regionale del Popolo della Famiglia, contesta la registrazione avvenuta a Deruta dell’adozione tedesca operata da due gay nei confronti di un bambino: “Evidentemente il sindaco e gli uffici dell’anagrafe di Deruta non leggono le sentenze della Corte Costituzionale.

Infatti con la sentenza 230 del 20 ottobre 2020 la Consulta ha esplicitamente stabilito che in materia di genitorialità gay la decisione deve spettare al legislatore, perché ad oggi l’ordinamento giuridico italiano non riconosce l’omogenitorialità. In forza di questa sentenza la Corte Costituzionale ha rigettato il ricorso di due donne che volevano registrare come figlia di entrambe una bambina partorita da una delle due. A maggior ragione non può essere immaginata dal Comune di Deruta una forzatura giuridica in cui risuona ignoranza rispetto ai termini costituzionali e ordinamentali della complessa questione. Sul delicato tema la Consulta vieta esplicitamente le fughe in avanti dei comuni, finché non ci saranno decisioni del legislatore”.