Cookie Consent by PrivacyPolicies.com


Giuseppe Conte

Immagine mancante
Tg La Croce 11/6/2020 - Conte indagato?

Tg La Croce 11/6/2020 - Conte indagato?

Immagine mancante Inserito il 11/06/2020

Immagine mancante
Siamo in Repubbliche giudiziaria. Parola dell'Avvocato Conte

Abbiamo cominciato ad affrontare il tema nell’articolo di ieri dove, nel passaggio dedicato al tema giustizia, contestavo al Presidente del Consiglio Conte il silenzio assordante rispetto al vortice che sta coinvolgendo l’intero mondo della magistratura italiana. Ho ribadito un concetto detto più volte e che ritengo funzionale e necessario per un funzionamento pieno e trasparente della nostra democrazia: senza portare alla luce il sistema di corruzione in essere che riguarda una minoranza molto potente del potere togato italiano nessuna riforma vera della giustizia italiana sarà possibile.

Immagine mancante Inserito il 29/05/2020

Immagine mancante
Governo Conte, errori e alternative

L’informativa resa dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte al Parlamento sulle misure previste dal Decreto Rilancio è stata inevitabilmente deludente come lo sono peraltro le misure stesse. Si è deciso di provare a spegnere un incendio di terrificanti proporzioni usando il nebulizzatore d’acqua da barbiere ...

Immagine mancante Inserito il 21/05/2020

Immagine mancante
Stampa & Vangelo (20/05/2020): Renzi abbaia ma non morde, ci terremo il governo. Bonafede è salvo ma Conte...

Renzi abbaia ma non morde, ci terremo il governo degli scappati di casa e il Paese se ne ricorderà. Bonafede è salvo ma Conte...

Immagine mancante Inserito il 20/05/2020

Immagine mancante
Omofobia: Adinolfi (PDF), “L’Italia non è un Paese Omofobo. Conte dia piuttosto risposte alle famiglie con figli che sono alla fame”

Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia (PdF), critica il premier Giuseppe Conte nella Giornata Mondiale contro l’Omofobia: “Leggo una surreale dichiarazione del presidente Giuseppe Conte che chiede addirittura a tutte le forze politiche di convergere su una legge sull’omofobia.

Immagine mancante Inserito il 17/05/2020

Immagine mancante
Galli, pecore, lupi e ideologia

Continuano ad azzuffarsi come galli da combattimento nel governo ma su una cosa sembrano essere tutti d’accordo nel governo: premier Conte, sottopremier Casalino, ministro Azzolina, apericena Zingaretti (dove sono le mascherine che hai pagato 35 milioni?) vogliono tutti chiudere le scuole cattoliche.

Immagine mancante Inserito il 12/05/2020

Immagine mancante
Un governo che ora deve andarsene

Volevo titolare questo articolo "la malafede di Bonafede" ma sarebbe sembrato un attacco ad personam e considero sempre ingiusti trattamenti che puntano a svilire un singolo esponente politico, dimenticando il contesto. E tutto il contesto del governo Conte è di disonestà, almeno intellettuale, oltre che di evidente incapacità. Data questa evidenza, è pacifico a chiunque ragioni senza pregiudizi che siamo di fronte a un governo che ora deve andarsene.

Immagine mancante Inserito il 08/05/2020

Immagine mancante
Guido Pianeselli (PdF) contro Conte: “Si dimetta se non vuole fare altro male a questo Paese che non merita di governare”

“Il Popolo della Famiglia di Viterbo è vicino alle decine di migliaia di cattolici e fedeli di altre religioni che si vedono ancora oggi private della possibilità di prendere parte a cerimonie religiose, in sicurezza, anche con modalità di partecipazione più severe rispetto ai criteri ordinari.

Immagine mancante Inserito il 30/04/2020

Immagine mancante
Conte, il MES e altre sciocchezze

Tutti a discutere di Giuseppe Conte che ha attaccato Matteo Salvini e Giorgia Meloni facendo “i nomi e i cognomi”: il totalitarismo, se avessi saputo non avrei mandato in onda, il tradimento della patria, ci ha svenduto all’Europa matrigna de Biancaneve, torniamo subito alla lira, dimissioni dimissioni. Fregnacce all’italiana, come al solito. Manco uno a chiedersi: perché l’ha fatto?

Immagine mancante Inserito il 11/04/2020

Immagine mancante
Mario Adinolfi: Conte e la transizione infinita

Ottenendo la fiducia dai due rami del Parlamento il governo gialloverde guidato da Giuseppe Conte entra nel pieno delle sue funzioni. Lo fa dopo che il presidente del Consiglio ha enunciato in un lungo discorso il vasto elenco delle cose da fare, tutte piuttosto condivisibili: chi non vorrebbe meno tasse, lotta alla corruzione, guerra alla criminalità organizzata, salario orario minimo, reddito di cittadinanza, regolazione migliore dei flussi migratori, aiuti alle famiglie, andare d'accordo con l'Europa, con l'Alleanza Atlantica e pure con Putin togliendogli le sanzioni? Conte ha elencato tutti i punti di una generica buona prassi di governo, senza dettagliare alcun passaggio.

Immagine mancante Inserito il 05/06/2018