Cookie Consent by PrivacyPolicies.com


La Croce (Quotidiano)

Immagine mancante
Sui tanti modi di violare l’infanzia innocente

Grande dolore, grande trasporto, grandi parole per la Giornata Bambini Vittime della violenza. è stata la ventesima ricorrenza annuale, e si sono sentite parole altissime dai balconi più alti del mondo. Eppure additare altrove la pedofilia senza battersi il petto per quanto si lascia di inoperato e perfino di intentato per la salvaguardia dell’innocenza infantile significa, inevitabilmente, spostarsi dalla parte dei conniventi. Se non dei complici.

Immagine mancante Inserito il 20/02/2021

Immagine mancante
Quanto ci costa l’aborto di Stato

In Italia un’interruzione volontaria di gravidanzaeseguita per via chirurgica costa1100euro circa, pagati fino all’ultimo dal servizio sanitario nazionale (benché in nessun modo lo smembramento di un bambino possa dirsi una cura per qualcuno). Francesca Romana Poleggi ha svolto un’inchiesta sui costi dell’infanticidio prenatale in Europa. Un motivo di più per combattere questa piaga.

Immagine mancante Inserito il 13/12/2020

Immagine mancante
Collaborare per sostenere la dignità dei preti

Fontana: «La libertà religiosa non è una concessione, sono in gioco gli stessi rapporti fra Stato e Chiesa». Brenna: «Si riconosce semplicemente il diritto del popolo, che resta sovrano nel Paese».

Immagine mancante Inserito il 10/12/2020

Immagine mancante
Sposa e madre con e per il Popolo della Famiglia

Il Popolo della Famiglia vive dell’entusiasmo, delle energie e dell’adesione di uomini e donne normali votati allo straordinario

Immagine mancante Inserito il 09/12/2020

Immagine mancante
Noi giovani, e l’amore, e il sesso, e la Chiesa

Nel 2011, durante la Giornata Mondiale della Gioventù a Madrid, Papa Benedetto XVI si rivolse con queste splendide parole ai giovani:”Cari giovani, non dimenticate che, per essere autentico, anche l’amore richiede un periodo di maturazione: a partire dall’attrazione iniziale e dal sentirsi con l’altro, educatevi a volere bene all’altro, a volere il bene dell’altro. L’amore vive di gratuità, di sacrificio, di perdono e di rispetto dell’altro. Non riducetelo a fisicità, facendovi soggiogare dalla schiavitù della sessualità. Ricordate che bruciare le tappe finisce per bruciare anche l’amore, che invece ha bisogno di rispettare i tempi e la gradualità nelle espressioni”.

Immagine mancante Inserito il 30/11/2020

Immagine mancante
Perchè spendersi per un nuovo movimento

A mezzo secolo dal ’68 soffia di nuovo, ma più calmo e fermo, il vento di un’occasione di cambiare davvero il mondo e la storia

Immagine mancante Inserito il 30/10/2020

Immagine mancante
La radio profezia del giovane Joseph Ratzinger (Papa Benedetto XVI)

«La Chiesa diventerà piccola e dovrà ripartire più o meno dagli inizi», disse alla radio il futuro Benedetto XVI. Era il Natale del 1969, e il suo vaticinio superava d’un balzo tutto il terremoto post ’68 e Vaticano II.rn

Immagine mancante Inserito il 29/10/2020

Immagine mancante
Gli effetti della fecondazione artificiale sui “bambini sintetici”

Dal convegno di Washington della prestigiosa “American Association for the Advancement of Science” escono ulteriori e argomentate perplessità sulle possibili conseguenze della fivet sulla salute umana. E oltre ai danni fisici ci sono quelli psicologici, come testimoniano i “figli della provetta” cresciuti.rn

Immagine mancante Inserito il 28/10/2020

Immagine mancante
Il saluto a Martamaria. Da mamma e papà

Imma e Giacinto hanno avuto la gioia di diventare genitori di Martamaria e il dolore di vedersi diagnosticata una acrania che rendeva il destino della figlia incompatibile con la vita terrena. E qui comincia un’altra incantevole e tremenda storia, fatta di silenzio e offerta, abbracci e lacrime solitarie. Poi la nascita, il battesimo, il riso amaro e il dolce pianto. E l’a-Dio.

Immagine mancante Inserito il 23/10/2020

Immagine mancante
Gender, bambini e altre follie: la via di salvezza sta nelle madri

Decenni fa certe campagne ostetriche emarginavano il bambino col pretesto di “dare centralità alla madre”; oggi si tollerano i più sconsiderati esperimenti per “affermare l’individuo”.

Immagine mancante Inserito il 22/10/2020

Immagine mancante
Pornografia: Il veleno che intossica tutte le vite che tocca

Cento anni fa Chesterton diceva che la grande eresia del XX secolo sarebbe stata «semplicemente un attacco alla moralità, e specialmente alla morale sessuale». Predisse che né il papato, né il puritanesimo né il socialismo avrebbero potuto trattenere la deflagrazione del porno lungo le vie che stava per percorrere. E difatti è oggi un tarlo che rode un numero altissimo di vite

Immagine mancante Inserito il 21/10/2020

Immagine mancante
Quei retorici “mai più” che non guardano il genocidio nascosto

L’aborto, specie nelle sue varianti selettive, macchia ancora l’Occidente che “non vuole dimenticare”

Immagine mancante Inserito il 15/10/2020

Immagine mancante
Rossana, anima e corpo per l’aiuto alla vita

Una madre, una nonna, prima ancora una moglie e sempre una donna. Una vocazione che si è fatta strada tra le pieghe di sofferenze e domande cui non sempre la risposta è arrivata rapida e facile. Questo è il profilo della colonna portante del Centro di Aiuto alla Vita di Napoli, Santa Maria di Portosalvo: se vuoi aiutare una donna a portare un bimbo in sé devi portarla dentro di te

Immagine mancante Inserito il 13/10/2020

Immagine mancante
Io, Vanessa: la passione e il mio “cuore nuovo”

Una trentenne romana ci racconta come la sua vita sta cambiando da quando all’interminabile vortice delle passioni sensuali ha preferito la purezza. Si è trasferita a Firenze dove sta frequentando i corsi ideati da Ania Goledzinowska e ci offre una testimonianza di freschezza rinata. La castità è e resta la custodia del cuore che permette agli uomini di vedere Dio.

Immagine mancante Inserito il 12/10/2020

Immagine mancante
«Hanno ucciso mio figlio e non ho potuto far niente»

La conversazione d’eccezione con un giovane ventenne illumina un lato oscuro, più silenziato che silenzioso, del mondo di chi vive o subisce gli aborti.

Immagine mancante Inserito il 10/10/2020

Immagine mancante
Cristin, una testimone della “quasi morte” (Eutanasia)

Quando si parla di eutanasia il dibattito si polarizza sempre attorno al vecchio astio anticlericale (e anticristiano) che nel nostro angolo di mondo si usa per screditare tutti gli articoli della vera fede. Sarebbe invece più onesto, intellettualmente, e più proficuo, considerare i racconti di chi è tornato indietro da quegli stati comatosi in cui i sani giurano che nessuno vorrebbe stare.

Immagine mancante Inserito il 09/10/2020

Immagine mancante
Io, don Karam, prete iracheno perseguitato

Pastore di un gregge di circa 6000 persone, a due passi da Mosul: don Karam ha 29 anni ed è fuggito per evitare sia la morte sia la sottomissione ai jihadisti. Ci parla di una fede che sembra esotica da quanto è vigorosa, ma è la stessa di tutti i cristiani, e ci mette in guardia riguardo all’accoglienza indiscriminata dei musulmani in Europa: «Custodite l’ideale di uomo cristiano»

Immagine mancante Inserito il 08/10/2020

Immagine mancante
Caterina, il suo aborto e la sua risurrezione

Dal pozzo dei begli occhi di una donna – pozzo già essiccato e ora di nuovo dissetante – abbiamo raccolto tutto d’un fiato il racconto di una disavventura che si è volta in misericordia e pace: un’infatuazione giovanile, la gravidanza, la paura e l’aborto. Il tentativo di riempire il vuoto e il fallimento. Poi la grazia, il pianto, la verità, il perdono, la gioia e la testimonianza.

Immagine mancante Inserito il 05/10/2020

Immagine mancante
Le zucche sull’altare: in margine ad Halloween

La notte delle anime ha il suo fascino. Ricordi e frammenti, li abbiamo tra le mani. L’immaginazione è vuota, ha smesso di ricordare. Sai, si dice che dimentichi solo ciò che avevi già dimenticato quando lo stavi vivendo e così, una generazione, forse due, avevano già spento il fuoco, con la brace calda. In molti paesi sopravvive ciò che le città hanno già perso, memorie di un mondo. Sono quelle spalle di gigante su cui i nani poggiano i piedi, per questo bisogna stare attenti, perché spesso ciò su cui poggiamo i piedi lo calpestiamo. Uno di questi paesi è Orsara di Puglia (Fg), dove qualcosa sopravvive, tangibile, tra i racconti che ricordano. Abbiamo ricostruito un mondo, e vorremmo, appunto, raccontarlo.

Immagine mancante Inserito il 04/10/2020

Immagine mancante
Halloween, i santi e... l’esorcismo

Don Antonio Mattarelli, presbitero esorcista della diocesi di Tricarico, ha studiato la storia di un santo frate cappuccino, originario di Agnone, che ha ricevuto in dono un potente carisma di liberazione, che ben presto divenne noto tra gli uomini e tra gli spiriti. Mattarelli racconta come la vicenda del frate abbia arricchito la sua vita e dice la sua sulla festa pagana del 31 ottobre.

Immagine mancante Inserito il 03/10/2020

Immagine mancante
Neomalthusianesimo, i miti e i numeri

Basterebbe davvero poco per dare una svolta al mondo: incentivi alle nascite e alle famiglie e diffusione di una nuova mentalità che sostenga le naturali istanze a favore della vita che l’uomo ha nel proprio cuore: la crisi economica si volatilizzerebbe, l’ottimismo travolgerebbe i popoli

Immagine mancante Inserito il 02/10/2020

Immagine mancante
Halloween, la nostra cultura e... i nostri bambini

Lo sappiamo, non ci appartiene, ma davanti alla richiesta dei nostri figli di uscire in maschera con gli amichetti per giocare a questa carnevalata fuori stagione dove si incassano dolciumi non ce la siamo sentita di dire di no. A sentire gli operatori dell’occulto e chi studia il fenomeno, però, la farsa potrebbe non essere così innocua come pare. Dunque occorre prepararsi e approntare una controproposta che sia concorrenziale e anzi più appetibile.

Immagine mancante Inserito il 01/10/2020

Immagine mancante
Pornodipendenza: ne parla un gesuita psicologo

È da pochi giorni in edicola il nuovo libro di Giovanni Cucci, gesuita, professore e psicologo: il tema è la diffusione sempre più capillare, incontrollabile e devastante dell’atavica tendenza umana a depravare il desiderio sessuale. L’obiettivo è «arrivare a vivere la sessualità non come un impulso da scaricare ma all’insegna della libertà e della donazione di sé». In mezzo c’è un mare di insidie, di silenzio e di solitudine. Questo libro può essere una zattera.

Immagine mancante Inserito il 30/09/2020

Immagine mancante
Proposta sull’omotransfobia, da Modena la posizione del Popolo della Famiglia

Non si vede come si possa qualificare l’insistenza per una norma a vantaggio di una (già per nulla fragile) lobby in un contesto di generale e grave precarietà, se non di marcato sostrato ideologico.

Immagine mancante Inserito il 29/09/2020

Immagine mancante
Quel cattolicesimo ideologico

All’inizio dell’autunno come all’inizio dell’estate, intellettuali come Alberto Melloni continuano a leggere e spiegare la Chiesa in termini dialettici “progressisti-conservatori”. Ed è sempre riduttivo.

Immagine mancante Inserito il 29/09/2020

Immagine mancante
La gravidanza non è una malattia

Quando ci si prepara al parto ogni cosa interpella l’esperienza fondamentale che si sta vivendo. Così si acuisce il senso comune, che rivela il sentire di tutti circa le fasi embrionali della maternità

Immagine mancante Inserito il 26/09/2020

Immagine mancante
Lo strano caso di Jewel Shuping

È vero, il Vangelo stigmatizza gli uomini che «preferirono le tenebre alla luce». D’altro canto Gesù ha raccomandato di «cavare il proprio occhio», se fosse stato motivo di scandalo. E questa donna ha uno strano folle coraggio

Immagine mancante Inserito il 25/09/2020

Immagine mancante
Mario, donnaiolo anti abortista

Mario Romanelli, da Laurito (SA), classe 1952, è da sempre impegnato in difesa della vita umana concepita. Fin dai tempi dell’Università ha dedicato il suo tempo libero alla causa, esagerando, anche, tanto da non essersi più laureato anche per questo suo intenso impegno quotidiano. Inizia prima ad interessarsi di bambini handicappati, vecchietti soli, barboni della Stazione Centrale di Napoli. Prova un particolare orrore per l’aborto, che, ingenuamente, pensa sia praticato solo da donne di malaffare e si propone di fare qualcosa al riguardo. Il via per questa sua nuova avventura glielo dà, nel 1973, la visione nel Consultorio gestito dai Gesuiti di una locandina con immagini di bambini abortiti negli USA. Gli crolla il mondo addosso: la donna, l’ideale più bello e più grande dei suoi sogni di ragazzo, in quel Paese ha legalmente il potere di uccidere il proprio figlio! Solo la fede lo salva dalla disperazione.rnrn

Immagine mancante Inserito il 24/09/2020

Immagine mancante
Castità: il bello di una parola dimenticata

Al di là dello scandalo e della polemica, la vicenda mediatica di Charamsa ha portato con sé diverse cose buone. Non solo ha costretto molti a dichiararsi e a venire allo scoperto, ma con ciò ha pure portato tanti a cantare le lodi di una virtù bistrattata, ma che Gesù nel Vangelo esalta come poche altre. Pastori, teologi, scrittori e perfino politici: tutti possono vedere cosa nobilita l’uomo.

Immagine mancante Inserito il 23/09/2020

Immagine mancante
Ascolta, figlio, voglio parlarti della vita

Nella nostra edizione dell’8 settembre 2015 recensivamo il quarto, recentissimo libro di Giovanni Donna (Lettere a un figlio sull’educazione, La fontana di Siloe), che racchiude diciotto lettere in cui tocca molti aspetti di come essere padre, partendo dalla sua esperienza di genitore vissuta con la moglie Carmina (il settimanale “Credere” ha dedicato un bel servizio alla famiglia Donna nel numero 38 del 20 settembre 2015). Data la pregnanza della tematica affrontata, quanto mai opportuna in questo periodo di sinodo sulla famiglia, abbiamo intervistato l’autore. Giovanni (Nanni per gli amici) ha 56 anni, è medico di professione e si è messo a nostra disposizione con grande cordialità.

Immagine mancante Inserito il 22/09/2020

Immagine mancante
L’incanto di Lucy, che fa ballare le folle

Abbiamo incontrato Anna e Gianluca, i genitori di “una bambina speciale”. Giunta dopo 10 anni di matrimonio, aveva già il suo nome prima di ogni ecografia. In una di queste viene diagnosticata la “sindrome di Dandy Walker”. Aggrappati alla fede, hanno scelto la vita e ora viaggiano “tra palco e realtà” per gridare al mondo che fidarsi della vita è una scelta che non si rimpiange.

Immagine mancante Inserito il 21/09/2020

Immagine mancante
Parlando con Giorgio Celsi, infermiere anti-abortista

Mentre l’incredibile scandalo sollevato oltreoceano sul colosso degli aborti Planned Parenthood fa assurgere le tematiche prolife a terreno di confronto per la contesa del più grande potere attualmente esistente in terra, incontriamo un uomo che in Italia, da anni, “ci mette la faccia”.

Immagine mancante Inserito il 20/09/2020

Immagine mancante
Una famiglia che Padre Pio amava tanto

Settimio Manelli e Licia Gualandris misero al mondo e crebbero 21 figli: il santo di Pietrelcina, di cui ricorre oggi la memoria liturgica, fu sempre in stretti contatti con loro. La loro storia può far riflettere sull’interazione dei carismi all’interno della Chiesa come realtà che – se forse era meno tematizzata di oggi – nondimeno non era certo sconosciuta. Anzi

Immagine mancante Inserito il 19/09/2020

Immagine mancante
Quelli che il Gender lo vogliono in buona fede, contro i complessi

Sul blog «Al di là del buco - verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi» (il nome è tutto un programma) pochi giorni fa è stata pubblicata una lettera, dal titolo, anch’esso assai esplicativo, «Datemi il “Gender” per masturbarmi senza sensi di colpa», di una certa Federica la quale raccontava la sua infanzia alla scoperta del sesso e della sua identità di lesbica. La lettera è sincera, molto esplicita ma non particolarmente volgare. In particolare la ragazza insiste su un punto più volte durante il suo racconto: nei suoi atti di autoerotismo giovanili, quasi infantili, è stata inspiegabilmente afflitta da sensi di colpa. La sua famiglia non era particolarmente religiosa e anche lei aveva giusto frequentato il catechismo minimo per arrivare alla cresima, e poi più nulla. In casa nessuno le aveva mai parlato né di sesso, né di tabù a riguardo, di nessun genere, tanto meno religiosi. Federica insiste sul fatto che lei nemmeno sapesse che esisteva il termine masturbazione, riteneva di essere l’unica sul pianeta a provare sen-sazioni erotiche, a cui non riusciva a dare un nome. Nonostante quindi la assoluta naturalità e spontaneità del gesto, si chiede ancora oggi da dove venisse quel senso di colpa che la affliggeva, così inspiegabilmente.

Immagine mancante Inserito il 18/09/2020

Immagine mancante
«10 motivi per me posson bastare» (per il no al referendum)

Doveva svolgersi a fine marzo, ma per l’emergenza covid19 il referendum si svolgerà il 20-21 settembre 2020 prossimo. È un referendum confermativo, i cittadini sono chiamati a decidere se approvare o meno la riforma che vuole ridurre il numero di parlamentari, modificando gli articoli 56, 57 e 59 della Carta Costituzionale portando i deputati da 615 a 400 e i senatori “elettivi” da 315 a 200, quindi da 945 parlamentari totali si scenderebbe a 600. I senatori a vita potranno essere al massimo cinque. Molti dei motivi che illustrerò sono stati affrontati dal gruppo spontaneo “PDF PER IL NO” formato da numerosi iscritti al Popolo della Famiglia, che ringrazio per il contributo.

Immagine mancante Inserito il 15/09/2020

Immagine mancante
«Storia dei miracoli piovutici addosso con Federica»

Cristian e Silvia sono due giovani sposi che hanno vissuto in pochi anni un grande esodo dall’incredulità alla fede. Il “Mar Rosso” che si è aperto sotto i loro passi è l’arrivo della figlia, condannata dai medici a essere abortita per gravi malformazioni. Conversando con noi ci raccontano prima gli scontri all’interno della coppia, poi l’accoglienza della bimba malata, quindi l’inspiegabile guarigione e infine il dono della fede data e confermata.

Immagine mancante Inserito il 04/08/2020

Immagine mancante
Maria Chiara Mangiacavallo, “frutto del grembo di Chiara”

La storia della ragazza siciliana che ha scoperto nella malattia e nel conforto di Chiara Corbella la forza di morire felice tra le braccia di Gesù

Immagine mancante Inserito il 03/08/2020

Immagine mancante
La rivoluzione eterosessuale

Un racconto distopico in forma epistolare: un figlio dal futuro racconta al padre le evoluzioni del mondo che verrà, del “mondo nuovo”

Immagine mancante Inserito il 21/07/2020

Immagine mancante
Vorrei rischiare di morire con Laura

Laura ha 24 anni, vive in Belgio e ha ottenuto di accedere all’eutanasia, legale nel suo paese, per grave e insopportabile sofferenza psicologica, che sta durando da tanti anni: Laura è depressa.

Immagine mancante Inserito il 11/07/2020

Immagine mancante
Pensare la famiglia per quel che è: l'ultimo baluardo

Qualche anno fa, mentre camminavo per strada assorto nei miei pensieri, la mia attenzione fu rapita da una vecchietta che, con un manico di ombrello e con tanta fatica perchè piccola e smagrita, rovistava nella spazzatura alla ricerca di qualcosa. Non era vestita male e non pensai immediatamente a una persona in cerca di indumenti o altro come ce ne sono tante nella mia città e se ne vedono ogni giorno sempre di più in ogni angolo di strada del Paese. Per cui pensai di fermarmi a chiederle se avesse bisogno di aiuto, credendo che avesse perso qualcosa di pesonale cascatole magari dal polso mentre gettava l'immondizia. "Signora, ha bisogno di aiuto?", le chiesi. "Le è per caso caduto qualcosa nel bidone dell'immondizia"? Lei sospirò, si fermò, mi guardò con una contrazione del volto quasi a commuoversi e mi rispose: "Caro ragazzo, vivo di pensione e sono sola al mondo".

Immagine mancante Inserito il 10/07/2020

Immagine mancante
Marco Cappato - Mina Welby, una sentenza attesa in tribunale

Una delegazione del Popolo della Famiglia ha manifestato ieri davanti al tribunale di Massa dove si è tenuta l’ennesima udienza del processo a Mina Welby e Marco Cappato per l’aiuto prestato al suicidio in Svizzera di Davide Trentini. La decisione dei giudici è stata di rinviare ancora la sentenza, che arriverà a questo punto a quattro anni dal decesso provocato da Erika Preisig.

Immagine mancante Inserito il 10/07/2020

Immagine mancante
Eutanasia: Come si vive dove si può decidere di morire?

Si dice spesso, in ambiti svariati, che “la legge fa costume”. Se questo è corretto, le legislazioni su divorzio e aborto possono restituire solo un po’ l’idea del clima che l’eutanasia crea nei Paesi dov’è legale. Un’intervista.rn

Immagine mancante Inserito il 09/07/2020

Immagine mancante
Kiko Arguello, le donne e noi: un problema culturale

Il simbolismo di piazza San Giovanni si deve anche alla sua cornice, prima e oltre che ai drammi popolari che in quella piazza hanno avuto luogo: “Non ti è lecito” è il grido del Battista al potere mondano. Il grido del profeta ricorda alla politica che il potere di legiferare non è un potere normativo in senso assoluto, e neppure relativamente al consenso raggiunto. È un appiglio di sanità, che scongiura nel politico il delirio di onnipotenza. Sempre che lo ascolti.

Immagine mancante Inserito il 08/07/2020

Immagine mancante
Guardate la mia ferita primaria aperta

La prima uscita in costume nella bella stagione, quando il bianco catarifrangente è ammesso e la prova costume si fa ancora per scherzo: l’evidenza della vita che nasce dalla differenza sopraffà i fuochi del sole. Sabato 20 la tintarella la prenderemo sulla spiaggia di San Giovanni.

Immagine mancante Inserito il 07/07/2020

Immagine mancante
«Perché se prima eravamo in due...»: il poliamore

Se ne sente parlare con crescente disinvoltura: il “netloving”, in realtà, ha molte facce, e Jacques Attali si è preso la briga di mettere nero su bianco le sue possibili declinazioni. La “storia del rapporto uomo-donna” scritta dall’antica eminenza grigia di Mitterrand vaticina di un futuro prossimo in cui davvero il matrimonio sarà analogo a un contratto telefonico. Il novello Talleyrand ha confessato a Repubblica: «Le donne, in questo, sono un freno».

Immagine mancante Inserito il 04/07/2020

Immagine mancante
Voglio, dunque sono: l’impostura del gender

L’umanità, che è fatta di donne e di uomini, deve respingere con forza l’ideologia dei movimenti LGBT, ma deve necessariamente fare i conti con la propria storia e riscoprire, dunque in certa misura “ricomprendere” e “reinventare”, i rapporti tra i sessi. Si tratta di un processo propriamente educativo che solo permetterà di resistere allo tsunami antropologico in atto: l’assioma cartesiano, proprio perché disincarnato, si è potuto depravare a tal punto.

Immagine mancante Inserito il 02/07/2020

Immagine mancante
Quando la misantropia si traveste da animalismo

Mentre ogni giorno nell’indifferenza generale i cristiani vengono massacrati per la loro fede, ogni anno a Pasqua tornano gli animalisti, a camuffare il loro disamore per la specie umana (e per la fede) con l’apologia degli agnelli.

Immagine mancante Inserito il 01/07/2020

Immagine mancante
Melinda, ex lesbica, mi spiega gay e Chiesa

Papa Francesco parla sovente in favore e in difesa della famiglia, ma ha spesso messo in guardia chi fa altrettanto dal produrre un pensiero ideologico. Ecco perché mentre i toni si esasperano è utile confrontarsi con chi dell’omosessualità e del cristianesimo ha esplorato i sentieri. L’autrice di “Sexual authenticity” ha raccontato di come, nel momento in cui si definiva atea, ha apprezzato la coerenza interna della dottrina cattolica sulla sessualità. E suggerisce quali atteggiamenti respingenti evitare.

Immagine mancante Inserito il 30/06/2020

Immagine mancante
Riflessioni filosofiche sull’eutanasia alla tedesca

I difensori della “dolce morte” come i difensori del dovere di prolungare l’esistenza – ha scritto Robert Spaemann – condividono la medesima prospettiva per cui anche negli estremi stadi della vita occorre sempre fare qualcosa (dare la vita o la morte) che spossessa abusivamente l’uomo dell’atto di morire». Invano si sperava che la fresca cicatrice lasciata all’umanità dai totalitarismi l’avesse vaccinata dal desiderio di dissoluzione.

Immagine mancante Inserito il 28/06/2020

Immagine mancante
Ettore Gotti Tedeschi: Riflessioni sul cristianesimo

Spuntano dall’archivio di uno dei personaggi più intellettualmente complessi del mondo cattolico alcuni appunti di una conversazione con un sostenitore del laicismo “illuminato” francese. Un dialogo ricco di spunti che permette l’avvio di un dibattito che deve riguardare prima di tutto la Chiesa e i suoi fedeli. Il nostro quotidiano ospiterà volentieri altri interventi capaci di intrecciarsi con gli stimoli nati da questo testo.

Immagine mancante Inserito il 27/06/2020

Immagine mancante
L’inizio dei messaggi di Maria a Medjugorie

Il 25 Giugno del 1981 a Madjugorie hanno inizio i messaggi della Vergine Maria. Prima del 24 giugno 1981 Medjugorje (che in croato significa “tra i monti” e si pronuncia Megiugorie) è solo un minuscolo villaggio di contadini sperduto in un angolo aspro e desolato dell’ex Jugoslavia. A partire da quella data tutto è cambiato e quel paesino è diventato uno dei centri di religiosità popolare più importanti della Cristianità.

Immagine mancante Inserito il 26/06/2020

Immagine mancante
L'Innesto: Il Pirandello nascosto che scrisse di aborto

Il geniale e prolifico romanziere e drammaturgo siciliano è noto al grande pubblico per una piccola parte della sua vasta produzione. Tra le carte sparse lasciate agli appassionati, tuttavia, c’è la commedia che rappresenta la tragica vicenda di una moglie che resta incinta di uno stupratore. E tiene il bimbo.

Immagine mancante Inserito il 24/06/2020

Immagine mancante
Quando Huxley immaginò i “bambini sintetici”

Molto prima che l’espressione usata da Dolce & Gabbana nell’intervista a Panorama agitasse il solito vespaio di post e tweet, prima ancora che i fratelli Wachowski dessero immagine a sterminati campi di esseri umani coltivati per ricavarne energia, l’autore de Il mondo nuovo – il libro più volte pubblicamente citato da Papa Francesco – aveva divinato un mondo in cui l’autodeterminazione dell’uomo coincideva fatalmente con l’autodistruzione.

Immagine mancante Inserito il 23/06/2020

Immagine mancante
Giovanni Papini e l’incontro con Cristo

Il futuro brillante apologeta e polemista era stato battezzato, sì, ma di nascosto dal padre che – garibaldino ateo – non ne avrebbe permesso l’educazione cristiana. Si sa che già fin dal 1905 il giovane intellettuale si era avviato in un cammino personale di conoscenza della fede cattolica, strattonato tra le letture nietzschiane, i testi dei Vangeli e i consigli dell’amico Prezzolini. La Grande guerra avrebbe segnato una svolta, ma nel 1913 c’è un libro importante.

Immagine mancante Inserito il 20/06/2020

Immagine mancante
L’aborto uccide bimbi, madri e Stati

Questo quotidiano nasce e vive per smontare i tanti miti del progresso. Di questi miti c’è n’è uno che in molte nazioni è servito e serve da ariete per le legislazioni abortiste. Più o meno può essere declinato così: l’aborto non è una cosa bella, ma le donne abortiscono comunque, se legalizziamo l’aborto almeno le donne non moriranno per le complicanze degl’interventi clandestini.

Immagine mancante Inserito il 19/06/2020

Immagine mancante
Che cosa resta della paternità all’epoca della fecondazione assistita?

In pochi decenni si è passati dalla sessualità sganciata dalla riproduzione alla riproduzione sganciata dalla sessualità: per il potere che vuole assoggettare gli individui in quanto tali un mezzo edonista equivale a uno tecnicista. Susanna Manzin, però, indica uno spiraglio ne “Il destino del fuco” suo romanzo di esordio.

Immagine mancante Inserito il 18/06/2020

Immagine mancante
Meditazioni femminili su vita, aborto e dintorni

Una donna cui ogni giorno qualcuno ricorda che “avrebbe fatto meglio” ad abortire riflette sulla 194, e da eterna dilettante di filosofia la prende fin da Cartesio. Modestamente. Perché lei c’è. Quindi pensa.

Immagine mancante Inserito il 17/06/2020

Immagine mancante
Ma le prime femministe furono cristiane

Intervista ad Angela Ales Bello, massima esperta italiana del pensiero di Edith Stein: «Le prime donne a esplicitare l’uguaglianza tra i sessi furono delle calviniste americane del Seicento: dal piano teologico passarono poi a quello sociale». E la grande allieva di Husserl ha una freschezza insuperata.

Immagine mancante Inserito il 14/06/2020

Immagine mancante
Sempre più numerosi i teenager italiani che si bruciano la mente con alcol e droga

Il “binge drinking” (bere molto alcol in un’unica soluzione con frequenza almeno settimanale) e la leggerezza nel sottovalutare gli effetti della cannabis sono alla base delle devastazioni psicopatologiche cui i giovanissimi vanno incontro. Per difendersi, spesso.

Immagine mancante Inserito il 11/06/2020

Immagine mancante
Omofobia e Popolo della Famiglia: cosa resta da fare con la legge Zan

La lettura della proposta di legge Zan evidenzia come già a partire dal presupposto che la introduce riveli il suo carattere ideologico: “I fatti di cronaca denunciati da numerosi quotidiani nazionali e locali hanno segnalato l'esponenziale aumento nel numero e nella gravità di atti di violenza nei confronti di persone omosessuali e transessuali.

Immagine mancante Inserito il 10/06/2020

Immagine mancante
Il porno: perchè va combattuto e vinto

Divieti superegoici, repressione sessuale, sensi di colpa per le proprie fantasie, barriere imposte dalla società, limiti rigidi e almeno pubblicamente invalicabili, impulsi giudicati inaccettabili: ecco il mondo conosciuto da Freud e descritto nei suoi famosi casi clinici.

Immagine mancante Inserito il 09/06/2020

Immagine mancante
Io ho rifiutato l’aborto, la mia bimba vive

Alla prima ecografia mi dissero: «C’è solo un grumo di cellule non formato, nessun battito cardiaco, possiamo procedere con l’interruzione di gravidanza». Ma non ho creduto a quelle parole false.

Immagine mancante Inserito il 07/06/2020

Immagine mancante
Aborto: Abby Johnson, una prolife sulla via di Damasco.

La migliore dipendente di Planned Parenthood, gigante dell’aborto “made in USA”, assiste all’uccisione di un feto di tredici settimane. Il suo urlo muto non ha potuto salvargli la vita, ma ha folgorato Abby Johnson.rn

Immagine mancante Inserito il 04/06/2020

Immagine mancante
Calo delle vocazioni, alcune domande da porsi a riguardo

A Marsiglia c’è un prete, tale Michel-Marie Zanotti-Sorkine – una vocazione adulta – che sta riscaldando molti cuori con un’evangelizzazione essenziale

Immagine mancante Inserito il 02/06/2020

Immagine mancante
Sorella morte fra tabù, commiato ed eternità

Quando i cristiani trasformarono le necropoli in cimiteri si avviò nell’urbanistica una grande rivoluzione culturale destinata a non tramontare più.rn

Immagine mancante Inserito il 01/06/2020

Immagine mancante
Lo spettro dell’ibernazione nel futuro post-umano del mondo

Ci sono già svariate centinaia di persone ibernate, al mondo, ma l’unica cosa a essere elusa non sembra la morte, quanto una sua disumana paura.

Immagine mancante Inserito il 31/05/2020

Immagine mancante
Sposatevi e figliate… spieghiamolo bene

Sposatevi e riempitevi di bambini. Ci saranno loro a fianco a voi il giorno della vostra morte, non il datore di lavoro, non i vostri titoli di studio, non i clienti. I vostri figli e chi vi ha amato per una vita! […]” Le considerazioni che muovo sul mio pezzo sul matrimonio -di cui riporto un frammento qui sopra- hanno deliberatamente o meno colpevolizzato una categoria di donne? Oppure traspare che sostengo solo le donne che hanno compiuto la scelta di essere madri?

Immagine mancante Inserito il 30/05/2020

Immagine mancante
Il ruolo della massoneria nell’eccidio dei cristeros messicani

«Ha ancora senso essere dei Cristeros oggi?»: la memoria di quella fede tenace è lezione di libertà e di una cultura popolare genuinamente cristiana.

Immagine mancante Inserito il 29/05/2020

Immagine mancante
Pandemia Coronavirus, necessario uscire meno possibile

Coronavirus - “Il consiglio è sempre lo stesso, uscire per lo stretto necessario e indispensabile”. Lo ha ribadito il commissario Angelo Borrelli rispondendo ai cronisti nella conferenza stampa di ieri, giovedì 11 marzo. Il capo della Protezione civile ha poi sottolinea-to che anche chi esce a piedi “deve por-tare l’autocertificazione”.

Immagine mancante Inserito il 13/03/2020

Immagine mancante
Cristiada e il bisogno che qualcosa accada

In Messico tra il 1926 e il 1929 sono stati uccisi 85.000 cattolici e ancora pochissimi lo sanno. Quasi nessuno, invece, sa che stando ai dati dell’Agenzia Fides il Messico ha riportato (per il 2014!) il record mondiale degli operatori pastorali assassinati in odio alla fede cristiana. L’attualità di Cristiada, ora distribuito anche in alcune sale italiane, è bruciante.rn

Immagine mancante Inserito il 26/02/2020

Immagine mancante
Profanazioni in aumento in Italia, trasformazioni del fu Belpaese

1.704 atti anti-religiosi (1.063 anti-cristiani, 541 anti-semiti e 100 anti-islamici) sono stati denunciati e registrati nel 2018. Dati che accennano uno scenario continentale in decomposizione.rn

Immagine mancante Inserito il 20/01/2020

Immagine mancante
Dove il suicidio assistito frutta #organi “donati”

Il quotidiano canadese Ottawa Citizen annunciava con entusiasta enfasi negli scorsi giorni la stretta correlazione tra medici che praticano il suicidio assistito e l’improvvisa pletora di parti del corpo umano di riserva per coloro che necessitano di trapianti di organi.

Immagine mancante Inserito il 20/01/2020

Immagine mancante
Quotidiano La Croce: torna la carta

Tra pochi giorni il quotidiano La Croce compie quattro anni. Siamo usciti in edicola il 13 gennaio 2015, poi i costi del cartaceo si sono rivelati insostenibili, ma non abbiamo rinunciato a uscire tutti i giorni come se fossimo un quotidiano cartaceo anche se solo per i nostri abbonati all'edizione digitale. Sentiamo la mancanza della carta, però. E allora nel 2019 La Croce torna su carta.

Immagine mancante Inserito il 03/01/2019