Stampa e Vangelo

Matteo
Matteo Renzi e Matteo Salvini: riaprire le messe. Sbagliano entrambi - Stampa & Vangelo con Mario Adinolfi (06/04/2020)

Vorrei discutere bene della proposta di riaprire le messe che, per la verità, venne avanzata per primo da Matteo Renzi nella nota intervista ad Avvenire. E il cattoleghismo lo rimproverò di cercare visibilità con frasi irresponsabili (soprattutto le altre, quelle di riaprire le fabbriche prima di Pasqua, opzione ovviamente irrealizzabile ma che cinicamente Renzi ha usato per far parlare di sé, sua unica ossessione). Conosco Renzi molto, un po’ meno Salvini, mi sono sembrati sempre due facce della stessa medaglia: uno Doppio Slalom, l’altro la Ruota della Fortuna. Sbagliano entrambi, non si può tornare a messa. Ma credo sia utile ragionare sulla sofferenza reale che ciò provoca nei cattolici. Altrimenti vince la risposta di Fiorello e questo non si può accettare.

video Inserito il 06/04/2020

Oltre
Oltre 15632 morti per coronavirus. In Lombardia nelle residenze per anziani muore un ospite su dieci - Stampa & Vangelo del 05/04/2020 con Mario Adinolfi

?Ci occupiamo dell’emergenza Rsa che denunciamo da giorni e oggi esplode su Repubblica. Oltre ai 15.362 morti ufficiali, fuori dal conteggio ci sono i morti nelle residenze per anziani. Decessi senza tampone, senza ricovero, nei letti delle residenze: 12mila? secondo uno studio a campione fatto su 250 residenze in tutta Italia. In Lombardia muore un ospite su dieci, età media 85 anni.

video Inserito il 05/04/2020

E'
E' arrivata la precisazione del ministero sull'ingresso nelle chiese. La sentenza della Cassazione che certifica che l’omogenitorialità non esiste e che i figli hanno un padre e una madre - Stampa & Vangelo del 04/04/2020 con Mario Adinolfi

Oggi sono contento perché è arrivata la precisazione del ministero sull’ingresso nelle chiese e va nella direzione da noi indicata, ci risparmiamo la disobbedienza civile. Oggi sono molto contento per la sentenza della Cassazione che certifica dopo la Costituzione, la Corte Costituzionale, la legge ordinaria e persino la legge Cirinnà che famiglia è ciò che parte dalla relazione uomo-donna, che l’omogenitorialità non esiste e che i figli, vivaddio, hanno un padre e una madre. Non due padri, non due madri. E tutto questo lo abbiamo ottenuto lottando, non sarebbe accaduto senza la lotta.

video Inserito il 04/04/2020

Niente
Niente soldi per la crisi Coronavirus, niente mascherine con operatori sanitari contagiati e nessun attacco hacker all'INPS - Stampa & Vangelo del 03/04/2020 con Mario Adinolfi

Siamo al 3 aprile, a differenza di altri paesi meno colpiti e chiusi da meno tempo, nessuno ha ricevuto un euro per la crisi coronavirus. Non si riesce a soddisfare il fabbisogno di mascherine e sono più di 10mila gli operatori sanitari contagiati, 63 i medici morti. A proposito di morti, da Istat riusciamo ad avere qualche dato parziale: nel bergamasco i morti per Covid sono 5.021, non i 2.226 ufficiali. Anche a Milano 1.500 morti in più, a Lodi 700. I morti per Covid in Italia non sono 14mila ma più di 30mila, in un mese. Pregliasco parla di “un ritardo di 12 giorni” del governo in Lombardia. Ah, l’attacco hacker all’INPS? Non c’è mai stato, Tridico se l’è inventato, è stata solo disorganizzazione. Ora si dimette?

video Inserito il 03/04/2020

Serve
Serve organizzazione, stiamo recitando a soggetto - Stampa & Vangelo del 02/04/2020 con Mario Adinolfi

Il presidente dell’Inps Tridico è l’ennesimo esponente M5S (era il “ministro del Lavoro” indicato da Di Maio nel governo ideale grillino con cui fecero la campagna elettorale del 4 marzo 2018, con Conte alla Funzione Pubblica) che si dimostra incompetente incapace. Gridare all’attacco degli hacker è stato il giusto completamento di una farsa annunciata, figlia del principale difetto italico di questa sciagurata stagione: l’idea che alla fine ci si arrangia, che ci salva sempre lo stellone. Ripeto: serve organizzazione, stiamo recitando a soggetto fa due mesi e i risultati sono conseguenti. La fase 2 non resti in mano agli scappati di casa, faranno danni clamorosi.

video Inserito il 02/04/2020

Si
Si può fare la fila al tabaccaio, al supermercato ma in chiesa no - Stampa & Vangelo del 01/04/2020 con Mario Adinolfi

Ricapitoliamo leggendo i giornali di oggi: passeggiate genitore-figlio sì; jogging prima no poi sì; fare la fila con decine di over 65 perché sono finiti i flauti al latte sì; andare a comprare i sigari toscani e una stecca di Marlboro sì; andare a lavorare in una fabbrica metalmeccanica lombarda che produce macchine per il caffè per i bar, che da un mese sono chiusi, sì e per questo affollare autobus e metropolitane sì; dire una preghiera in una chiesa deserta se la chiesa non è sul tragitto di una delle “attività essenziali” sopra indicate, no. E non è un pesce d’aprile.

video Inserito il 01/04/2020

Uno
Uno studio parla di sei milioni di italiani contagiati per Coronavirus e elenca gli errori dei politici italiani - Stampa & Vangelo del 31/04/2020 con Mario Adinolfi

Uno studio di Imperial College Londra parla di 6 milioni di italiani contagiati. Uno studio di Harvard elenca gli errori dei politici italiani: sottovalutazione dell’epidemia, sceneggiate “aperturiste” di fine febbraio, totale disorganizzazione nella raccolta dei dati, sostanzialmente non credibili. Insomma quando Conte dice che siamo stati i più rapidi e i più bravi, dice cose insensate. L’Italia è studiata all’estero come modello di quello che “non” bisogna fare. Ora servono dati veri e non farsi illudere da chi dice (i giornali di oggi) che si riparte dopo Pasqua. Sarebbe l’ennesimo colossale errore.

video Inserito il 31/03/2020

Quanti
Quanti sono veramente i morti per Covid-19? Operazione verità sulle mascherine: Perchè non ci siamo messi a produrle?- Stampa & Vangelo del 30/04/2020 con Mario Adinolfi

Operazione verità sui numeri: quanti sono veramente i morti per Covid? La risposta potrebbe darla l’Istat in settimana sottraendo il numero di morti del primo trimestre 2019 ai morti del primo trimestre 2020. Operazione verità sulle mascherine: perché dopo 40 giorni ancora non ci siamo messi a produrle per colmare il fabbisogno? Operazione verità sull’emergenza sociale: 400 milioni sono un insulto, servono 5 miliardi per versare subito i primi 500 euro di “speranza” sui conti correnti associati al codice fiscale di 10 milioni di genitori con figli a carico. Come ci presero i soldi dai conti nel 1992, stavolta ce li mettano.

video Inserito il 30/03/2020

La
La storia di Italica, la nonnina di 102 anni guarita dal coronavirus - Stampa & Vangelo del 29/04/2020 con Mario Adinolfi

Ho acceso sulla Cnn e ho visto la storia di Italica, nonnina ligure di 102 anni che in venti giorni è riuscita a sconfiggere il coronavirus ed è tornata a casa. La chiamano nonna Lina ma a me piace il suo nome per intero: Italica. Nata mentre scoppiava l’epidemia di spagnola, che fece seicentomila morti italiani tra i 20 e i 40 anni nell’anno successivo alla fine della prima guerra mondiale: un milione 240mila morti italiani. E Italica mi fa pensare a nonno Mario Adinolfi, nato l’11.11.1911: a trentaquattro anni aveva sul groppone moglie, cinque figli, due guerre mondiali più quella d’Abissinia fatta da tenente, niente da mangiare. Essere degni di lui, unico scopo.

video Inserito il 29/03/2020

Stampa
Stampa & Vangelo con Mario Adinolfi (28/03/2020): intervista ad Avvenire di Matteo Renzi che prova a fare il Craxi. Ecco quello che la politica non deve mai fare: anteporre l’interesse di parte al bene comune.

In una folle intervista ad Avvenire un Matteo Renzi, che nell’ultimo sondaggio è ridotto al 2.9% (e c’è chi sfotteva il 1 marzo il PdF all’1.3%), prova a fare il Craxi per la trattativa quando tutti erano per la fermezza. Propone di riaprire le fabbriche subito (“prima di Pasqua”), i negozi, le scuole il 3 maggio. E poiché ha capito che il sacro funziona dopo aver visto il Papa, ci mette anche le messe “o almeno l’adorazione”. Ecco quello che la politica non deve mai fare: anteporre l’interesse di parte al bene comune. Questa ricetta provocherebbe una strage superiore a quella della seconda guerra mondiale.

video Inserito il 28/03/2020

Stampa
Stampa & Vangelo con Mario Adinolfi (26/03/2020):Borrelli ha informato che è farlocco il numero dei contagiati e dei morti.

Borrelli (non ha il coronavirus, tampone negativo) ci ha informato del fatto che i numeri dei contagiati sono farlocchi, vanno moltiplicati per dieci. Conte si è imbufalito per questa sincerità, il nostro Churchill non ama la verità (a differenza di quello vero). Ora è tempo di dire un’altra verità: è farlocco anche il numero dei morti. Bergamo dichiara 48 morti per Covid ma ci sono 500 morti in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, Nembro ne dichiara 31 ma ne ha 123, Pesaro e Cernusco dichiarano meno di un sesto dei morti reali. Ho detto settimane fa: ci saranno 150mila morti e lo sapremo solo facendo il differenziale dei morti complessivi 2020 con i morti 2019 a inizio 2021 con il rapporto Istat.

video Inserito il 26/03/2020

Stampa
Stampa & Vangelo con Mario Adinolfi (25/03/2020): Conte che proclama: “I risultati ci sono”. Ma quali risultati? I 743 morti di ieri, i settemila morti

Repubblica apre con Conte che proclama: “I risultati ci sono”. Io capisco fare un giornale filogovernativo, ma quali risultati? I 743 morti di ieri, i settemila morti complessivi, i settecentomila infettati (Borrelli dixit, ieri balbettava poverino quando gli chiedevano se credeva ai dati che dava)? Diciamoci la verità: siamo nella selva oscura e la dritta via è smarrita, come quel 25 marzo del 1300 in cui si aprì un viaggio che sette secoli dopo resta il più bello mai raccontato da poeta. Ne usciremo, rivedremo le stelle, ma solo a patto di essere strumenti della verità (“ecco sono la Serva del Signore”).

video Inserito il 25/03/2020

Stampa
Stampa & Vangelo con Mario Adinolfi (24/03/2020) Borrelli dice che alle 18 dice dati falsi. Vogliamo la cura al Coronavirus?

Il capo della protezione civile Borrelli in un’intervista a Repubblica dice che alle 18 ogni giorno dice dati falsi: i contagiati non sino 63mila ma dieci volte di più. Vogliamo la cura? L’unica cura è la verità e bisogna cominciare a dirla, come fa Gesù nel Vangelo di Giovanni di oggi. Guarisce l’infermo che prende il “suo lettuccio” e va via, poi reicontrandolo lo ammonisce: “Non peccare più, perché non ti abbia a accadere qualcosa di peggio”. Guariremo dal coronavirus, ma se lo faremo lontano dalla verità accadrà “qualcosa di peggio”. A proposito: qualcuno mi dice che sta succedendo a Zingaretti? La politica e Roma sono il prossimo cluster?

video Inserito il 24/03/2020

Stampa
Stampa & Vangelo con Mario Adinolfi (23 marzo 2020) Mi impressiona la confusione:i sindacati firmano un intesa il 14 marzo, Conte scrive un dpcm ...

Mi impressiona la confusione: i sindacati firmano un intesa il 14 marzo, una settimana dopo si dicono pronti allo sciopero generale. Conte scrive un dpcm (è un suo decreto, non passa né dal Parlamento né dal Consiglio dei ministri) e ritiene di non confrontarsi coi presidenti di Regione che intanto fanno le loro ordinanze. E ora gli alberghi in Lombardia devono restare aperti (decreto Conte) o chiusi (ordinanza Fontana)? I decreti Conte li annuncia sempre di sera, anche la firma su quello di ieri è arrivata a ridosso dei tg delle 20. È come se aspettassero il bollettino di Borrelli coi morti alle 18 e poi si mettessero a surfare sulle emozioni. Quando servirebbe invece tanta logica, tanta razionalità.

video Inserito il 23/03/2020

Stampa
Stampa & Vangelo con Mario Adinolfi (22 marzo 2020): Si può chiamare lockdown un provvedimento che lascia aperti 50.000 tabaccai?

“Non basta avere la luce, bisogna diventare luce”, ha detto il Papa all’Angelus. La fede illumini la nostra ragione per camminare in questo tempo buio. Si può chiamare lockdown un provvedimento che lascia aperti 50.000 tabaccai? Non stiamo facendo sul serio e intanto in Lombardia l’incendio si fa di giorno in giorno più insostenibile, Bonaccini vede lo stesso rischio e fa capire di essere pronto a muoversi con proprie ordinanze, come ha fatto Fontana per smuovere il governo. Zaia scegliendo la propria strada ha ridotto a 15 i morti quotidiani contro i 546 lombardi e i 75 emiliani. Studiare i numeri serve a capire qualcosa in più di questa tragedia. Capire è diventare luce.

video Inserito il 22/03/2020

Stampa
Stampa & Vangelo con Mario Adinolfi (21 marzo 2020): Non è una guerra questo coronavirus. Non è neanche la peggior pandemia.

La seconda guerra mondiale in Italia ha provocato mezzo milione di morti violente (bombe, armi da fuoco, rastrellamenti nazisti). L’epidemia di spagnola dopo la prima guerra mondiale fece 600mila morti in Italia prevalentemente tra i 20 e i 40 anni, che si andarono ad aggiungere a 1.240.000 morti per la guerra. Non è una guerra questo coronavirus. Non è neanche la peggior pandemia. Facciamo le persone serie e teniamo botta. Piangiamo i nostri amici e vediamo di uscirne da persone migliori, rispettando pochi e chiari obblighi. Storicizziamo ciò che sta accadendo e capiremo meglio che siamo chiamati a una prova dura, per molti è la prima in termini collettivi, ma è una prova superabile.

video Inserito il 21/03/2020

Stampa
Stampa & Vangelo con Mario Adinolfi (20 marzo 2020): Tamponi a raggiera, autodisciplina, strutture sanitarie al lavoro fino allo spasimo.

La Cina è entrata il 9 gennaio nell’emergenza virus, il 19 marzo ha annunciato “contagi zero”: in settanta giorni ha sconfitto il coronavirus, il metodo lo conosciamo. Singapore, Hong Kong, Corea del Sud, Giappone e più o meno tutto l’estremo oriente pur avendo sperimentato i primi violenti focolai, ora sono ben oltre il picco della crisi che riguarda invece le società occidentali. C’è una lezione da apprendere? Io credo di sì: tamponi a raggiera, autodisciplina, strutture sanitarie al lavoro fino allo spasimo, forza degli apparati governativi, attenzione alla ripresa economica.

video Inserito il 20/03/2020

Stampa
Stampa & Vangelo con Mario Adinolfi (19 marzo 2020): La Croce anticipa il sorpasso che alle 18 Borrelli annuncerà: l’Italia avrà più morti della Cina

Il Vangelo di Matteo racconta il sogno di San Giuseppe, l’Angelo che gli dice di non temere di prendere con sé Maria perché quel che è avvenuto è opera dello Spirito Santo. In poche righe del primo capitolo del Vangelo di Matteo c’è tutta la fede cristiana: il Padre, il Figlio, lo Spirito Santo, Maria, San Giuseppe, l’Angelo e l’Evento inaspettato. Come reagiamo oggi all’Evento inaspettato? La Croce anticipa il sorpasso che alle 18 Borrelli annuncerà: l’Italia avrà più morti della Cina per coronavirus. Perché è accaduto? Cosa dobbiamo fare ora?

video Inserito il 19/03/2020

Stampa
Stampa & Vangelo con Mario Adinolfi (18 marzo 2020): L’idea dell’helicopter money, oggi il tema approda in un articolo di Alan Friedman

Sempre felici quando le nostre proposte vengono rilanciate da altri: una settimana dopo la pubblicazione su La Croce dell’idea dell’helicopter money, oggi il tema approda pari pari in un articolo di Alan Friedman per La Stampa. D’altronde anche l’ottima idea di tamponi per tutti, anche per gli asintomatici, targata Luca Zaia oggi viene ripresa in tre regioni “rosse”: Toscana, Marche e Campania. Il ministro Speranza ancora si oppone, ma è quello degli spot con Mirabella e “non è affatto facile il contagio”: finché non ci sbatte il grugno non capisce.

video Inserito il 18/03/2020

Stampa
Stampa & Vangelo con Mario Adinolfi (17 marzo 2020): Conte nel giorno in cui i morti in Italia sono migliaia si propone come “modello per l’Europa”.

Conte nel giorno in cui i morti in Italia si cominciano a contare a migliaia si propone come “modello per l’Europa”. Umilia le partite IVA con 500 euro di mancia una tantum (i divanisti del reddito di cittadinanza nel prendono 780 per dodici mensilità), spende a debito 25 miliardi quando la Germania ne stanzia 550, non indica alcuna prospettiva reale al Paese. Nel frattempo la Lombardia si fa 500 posti letto da sola con Bertolaso, Zaia straccia le politiche governative e va a caccia degli asintomatici: scelta vincente, è il modello che serve a fermare davvero questa peste. A Palazzo Chigi se ne accorgeranno tra un mese.

video Inserito il 17/03/2020

Stampa
Stampa & Vangelo con Mario Adinolfi (15 marzo 2020): Sui giornali leggo le tabelle: 1441 morti in Italia.

Sui giornali leggo le tabelle: 1441 morti in Italia. In Danimarca zero, in Austria uno, in Germania 8, in Olanda 10 e nel Regno Unito 21. Poi rileggo il Vangelo di oggi sull’acqua che se bevuta spegnerà per sempre la sete. E mi pare davvero tutto chiaro. La fede illumina davvero la ragione. Viva il Papa allora che all’Angelus invita i sacerdoti a non essere don Abbondio. Ora più che mai serve la fede salda dei cristiani, quella che viene irrisa sui social: “Pure le chiese aperte volete, lo Stato deve chiuderle con la forza, pregate a casa, se Gesù esistesse non permetterebbe il coronavirus”. Stiamo vivendo lo snodo della nostra testimonianza.

video Inserito il 15/03/2020

Stampa
Stampa & Vangelo con Mario Adinolfi (14 marzo 2020): Si trovano gli stanziamenti annunciati per fronteggiare l’emergenza collegata al coronavirus

Sui giornali oggi si trovano gli stanziamenti annunciati dai vari Stati per fronteggiare l’emergenza economica collegata al coronavirus: 50 miliardi gli Usa, 90 la piccola Olanda, 200 la Cina, addirittura 550 la Germania. L’Italia con 27 miliardi è ancora una volta fanalino di coda. È tempo di vedere l’Ue essere utile e la proposta del PdF è: helicopter money. Denaro stampato dalla Bce, non imputato a debito dell’Italia, consegnato a famiglie e imprese tramite il governo italiano senza passare dalle banche. Ci si salva con l’Europa, chi pensa di far da sé o di usare il virus per uscire da Ue e euro prepara un destino da tragedia doppia. Mario Ajello poi sul Messaggero protesta contro il Papa che non sottostà agli ordini dello Stato. E viene fuori la vera questione legata al decreto De Donatis.

video Inserito il 14/03/2020

Stampa
Stampa & Vangelo con Mario Adinolfi (13 marzo 2020): Sbarrate le chiese, prosperano i Tabacchi

Nel breve tragitto delle mie ritualità quotidiane ai tempi del coronavirus c’era l’attraversamento della strada verso un bar tabacchi con tavoli all’aperto per un rapido cappuccino e la preghiera solitaria nella piccola chiesa invero sempre deserta che gli sta giusto accanto. In 48 ore hanno prima chiuso il bar, ora hanno sbarrato pure la chiesa, prospera invece il tabacchi il che per un virus che uccide con la polmonite è una grande idea. Le irrazionalità prevalgono dall’inizio di questa crisi: ieri la Bce ha provocato il collasso finanziario europeo in borsa. Chi ti deve guidare, ti affonda? A Santa Marta oggi il Papa esprimeva i suoi dubbi...

video Inserito il 14/03/2020

Stampa
Stampa & Vangelo con Mario Adinolfi (12 marzo 2020): Due splendide e dolorose pagine sugli anziani lombardi che muoiono soli in ospedale

Oggi sul Corriere della Sera ci sono due splendide e dolorose pagine sugli anziani lombardi che muoiono soli in ospedale, una sorta di mini Spoon River del coronavirus. Su La Croce in prima pagina oggi celebriamo i medici e tutti gli operatori sanitari che intubano, curano e molto spesso salvano quegli ultraottantenni che in altri Paesi vengono lasciati al loro destino e il nostro servizio sanitario nazionale sta mostrandosi come modello di umanità, al di là di tutti i nominalismi (perché sappiamo da settimane che questa è una pandemia, non ci serviva l’Oms che l’ha dichiarata ieri).

video Inserito il 14/03/2020

Stampa
Stampa & Vangelo con Mario Adinolfi (11 Marzo 2020): Il Popolo della Famiglia oggi compie 4 anni

Su La Croce l’editoriale oggi è affidato a un papà a cui è appena nato un figlio al Giovanni XXIII di Bergamo mentre l’editorialino lo firma sempre un bergamasco, Gabriele Marconi. Insieme alla vittoria dell’Atalanta vuole essere un omaggio alla Lombardia sofferente e alla città che forse insieme a Cremona e Brescia sta pagando il prezzo più alto, ora che a Lodi si vede la luce in in fondo al tunnel. Il Popolo della Famiglia oggi compie 4 anni: l’anniversario non è sulla stampa, ma un monito ci arriva dal Vangelo di oggi. Siamo qui per servire.

video Inserito il 14/03/2020

Stampa
Stampa & Vangelo con Mario Adinolfi (10 marzo 2020): Lockdown all’italiana con le autocertificazioni al posto dei carri armati

Ho detto nei giorni scorsi che questo era il nostro nuovo 8 settembre ed eccoci al titolo: tutti a casa. Finalmente è lockdown, ovviamente all’italiana con le autocertificazioni al posto dei carri armati, ma insomma si fa (quasi) quel che chiedevamo dal 21 febbraio quando altri invece spiegavano che bisognava andare a fare gli aperitivi (vero Zingaretti? Vero Sala?) perché tanto “non è affatto semplice il contagio” (vero Speranza?). C’è voluto un Paese fuori controllo, la borsa a -11%, la rivolta nelle carceri e 500 morti in ospedale per farli rinsavire. Ora bisogna aiutare anziani e disabili che non hanno familiari: è l’editoriale di Cristiana Di Stefano su La Croce. Nessuno sia lasciato solo.

video Inserito il 14/03/2020

Stampa
Stampa e Vangelo con Mario Adinolfi (9 marzo 2020): Lockdown degli over 65, chiusura della “movida” e dei campionati

E rieccoci con Stampa&Vangelo. L’intervista di Conte a Repubblica mette a dura prova l’insegnamento della pagina odierna di Luca (“non giudicate”). Repubblica fa il titolo di prima pagina evocando “l’ora più buia” e dunque il parallelo con Churchill. Il testo però sembra redatto dall’imitatore del premier, Neri Marcorè, tanto è surreale. Si parla di “rigore” ma si ammette che per muoversi basta l’autocertificazione. Nel frattempo da noi si muore più che in Cina, più che in ogni altro Paese del mondo. Lockdown vero degli over 65, chiusura della cosiddetta “movida” e dei campionati (con ritiro dalle coppe prima di essere cacciati), mantenimento della distanza minima di 187 cm tra chi non può mettersi in autoisolamento: queste le nostre proposte.

video Inserito il 14/03/2020

Stampa
Stampa e Vangelo con Mario Adinolfi - 25 ottobre 2019

Incapaci di trovare finanziamenti alla manovra, i senatori del M5S guidati da Lannutti e Toninelli hanno scritto un ddl con 76 firme di loro colleghi che chiede 5 miliardi alla Chiesa italiana per “l’Ici non pagata dal 2006 al 2011”. Si tratterebbe di una multa che vale 5 volte il gettito annuale dell’8x1000 che ucciderebbe finanziariamente la Chiesa, che svolge sul territorio una supplenza dello Stato che vale molto di più di un miliardo di euro l’anno: quando sei disperato non bussi al ministero da Patuanelli, alla Camera da Fico o al comune da Raggi. Vai in parrocchia e solo lì riceverai aiuto. Avvertimmo la CEI: M5S ha l’anima nera. E molti vescovi li fecero anche votare...

video Inserito il 25/10/2019

Stampa
Stampa e Vangelo con Mario Adinolfi - 24 ottobre 2019

In tre giorni due sentenze della Corte Costituzionale hanno smontato il concetto stesso di “omogenitorialità”. In particolare la 221 di ieri, ribadendo il divieto di eterologa per le coppie lesbiche, ha anche ribadito che quel nucleo non è famiglia, solo le coppie uomo-donna lo sono e lo abbiamo spiegato bene in prima pagina su La Croce come notizia di apertura. Sugli altri giornali la sentenza 221 semplicemente non esiste. Lungo ritratto in compenso su Repubblica di Giorgia Meloni, il cui misterioso compagno si dichiara “contrario al matrimonio, per le adozioni gay, a favore della legalizzazione anche delle droghe pesanti”. Mi chiedo: potrei stare con Silvia se la pensasse al mio opposto sulle cose decisive in cui credo?

video Inserito il 25/10/2019

Stampa
Stampa e Vangelo (11 settembre 2019) Sucidio Assitito e Eutanasia con Mario Adinolfi

Al Senato ieri Conte ha accennato alla questione suicidio assistito e eutanasia affermando che il governo non se ne occuperà e auspicando che se ne occupi il Parlamento. Che fino ad oggi è stato silente e silente resterà. Deciderà la Corte Costituzionale, non più il 24 settembre ma probabilmente a fine ottobre e deciderà per la depenalizzazione del suicidio assistito. Intanto impazza sui giornali la questione legge proporzionale, secondo le indicazioni che abbiamo dato all’inizio della crisi. La proporzionale pura cambia la storia del PdF. Ne parliamo alla festa nazionale di Pomezia dal 27 al 29.

video Inserito il 11/09/2019

Stampa
Stampa e Vangelo (10 settembre 2019) con Mario Adinolfi

Sui temi etici Conte tace, neanche una parola su eutanasia e suicidio assistito, matrimoni e adozioni gay, canne libere e utero in affitto. Non facendo parte del programma di governo annunciato alle Camere serietà vorrebbe che scatti una moratoria su questi temi e il cosiddetto “programma Cirinnà” venga ibernato. Sarà così? Male Conte su famiglia e inverno demografico: gli asili nido non battono la denatalità è matematicamente provato da anni, se vuoi più figli devi finanziare la maternità. Di più: bisogna fracassare l’idea che una mamma a tempo pieno sia una donna che non lavora. Fa il più prezioso dei lavori per la società tutta intera, invece. Infine: gravissima la chiusura delle pagine di CasaPound.

video Inserito il 10/09/2019

Stampa
Stampa e Vangelo - Nasce oggi il governo con l’asse più spostato a sinistra della storia italiana (5 settembre 2019)

Nasce oggi il governo con l’asse più spostato a sinistra della storia italiana, con le poltrone che contano saldamente in mano a donne e uomini del Pd di comprovata esperienza politica (Gualtieri, Franceschini, Guerini, De Micheli, Boccia, Bellanova, Amendola persino i più giovani Bonetti e Provenzano hanno decenni di militanza alle spalle più Speranza che dal Pd proviene e ne è stato capogruppo) mentre il M5S boccia tutta la sua compagine ministeriale tranne Di Maio e Bonafede, più Fraccaro messo a fare il guardiano di Conte. È un governo col baricentro fortemente sbilanciato a Sud e il rischio è una lacerazione con il Nord produttivo a partire dal tema dell’autonomia. Sui temi etici: stare in trincea.

video Inserito il 05/09/2019

Stampa
Stampa e Vangelo - La lista dei ministri del governo Conte (4 settembre 2019)

Edizione straordinaria di Stampa&Vangelo per la lista dei ministri con il nostro commento come Popolo della Famiglia. Con Mario Adinolfi.

video Inserito il 04/09/2019

Stampa
Stampa e Vangelo - il governo giallo - rosso (3 settembre 2019)

A Stampa&Vangelo di oggi notiamo come i due quotidiani di area giallorossa (Repubblica e Il Fatto) abbiano in prima pagina lo stesso identico calambour: roulette Rousseau. Che è insieme un’immagine di incertezza e morte possibile, piuttosto macabra. Sempre meglio della solita paginata di propaganda Lgbt del Corriere della Sera: ieri era il cuoco che ha sfasciato la famiglia con figlia piccola perché si è innamorato di Luca e Luca era gay (paginata con libro da vendere annesso, marchetta cioè) oggi è la cantante lesbica che è coraggiosa perché canta l’amore per lei (ma in copertina mette ragazzo che bacia ragazza, coraggiosa ma non da non conoscere le regole del marketing; anche questa paginata è con disco da vendere annesso, marchetta cioè).

video Inserito il 03/09/2019

Stampa
Stampa e Vangelo - Crisi di governo (2 settembre 2019)

Crisi di governo, Di Maio ha 48 ore di vita, poi Conte e Grillo lo avranno fagocitato: il “capo politico” M5S prova a resistere convocando i ministri alle 10 e domani su Rousseau si vota dalle 9 alle 18. Intanto solita paginata Lgbt del Corriere della Sera (il dna gay non esiste, nessuno nasce gay, a pagina 18 la solita storia con i genitori cattolici cattivi e il figlio sposato che fa pure una figlia poi scappa con Luca dimostra come l’omosessualismo generi omosessualità). Infine il Concistoro: ora i cardinali in Conclave creati da Francesco sono 67, quelli di Benedetto 42 e i wojtilani 19. Matteo Zuppi sarà il primo Papa italiano del XXI secolo.

video Inserito il 03/09/2019

#stampa
#stampa e Vangelo 30 Gennaio 2019

Il settimanale Panorama da oggi in edicola certifica che al mandante dell’omicidio Calabresi, Giorgio Pietrostefani capo di Lotta Continua fuggito in Francia per non andare in carcere, lo Stato italiano paga la latitanza corrispondendogli 1.500 euro di pensione mensile. A Gemma Calabresi, vedova di Luigi ucciso a 34 anni con due figli e un terzo in arrivo, lo Stato riconosce 400 euro di pensione. Il Paese ingiusto che ho provato a raccontare in Storia del Terrorismo in Italia è imperniato sul culto dei latori di morte. Per questo oggi alla Camera arriva la legge sull’eutanasia, mentre sulla natalità nessuno fa niente.

video Inserito il 31/01/2019

#stampa
#stampa e Vangelo 29 Gennaio 2019

L’Olanda ha risposto picche alla richiesta del governo italiano di farsi carico dei 47 migranti della Sea Watch 3, nave che batte bandiera olandese. Eppure l’unica strada per fronteggiare il fenomeno migratorio è fermare gli sbarchi in Italia e ripristinare flussi con corridoi umanitari concordati con tutti i Paesi europei. Si chiama “accoglienza sostenibile” ed è la lezione di Papa Francesco, che noi del PdF ripetiamo dalla redazione del programma per le politiche del 4 marzo. Gli ipocriti che oggi predicano su Sea Watch sono i corresponsabili della politica dei lager libici. Ora tacciano. Noi, pur critici con il governo, sosteniamo la linea che chiede all’Olanda di farsi carico dei 47 migranti Sea Watch.

video Inserito il 30/01/2019

#stampa
#stampa e Vangelo 28 gennaio 2019

A La7 Giletti fa il peana di Luxuria per la performance coi bimbi su Raitre, su Canale 5 la D’Urso fa la dottoressa Giò pro adozioni gay (la coppia etero sposata che vuole adottare la neonata è ovviamente raffigurata come odiosa, la coppia gay è idilliaca e ingiustamente vessata dalla legge sull’adozione), Mentana dice che spacciamo fake news se parliamo della legge abortiva di New York, sui giornali di oggi leggiamo che i “cattolici” Tabacci e Sanza portano i pullman per far eleggere Della Vedova capo di +Europa (è il deputato che fondò l’intergruppo per la droga libera). Siamo circondati. Resistiamo con un piccolo elogio della normalità.

video Inserito il 28/01/2019